Categories: mixologist in evidenza

Souther Runners vince la squadra di Matteo Bonandrini

Intervista in esclusiva a Matteo Bonandrini capo squadra della Souther Runners di Pernod Ricard. In quale locale dove lavori? Quali…

Giugno 30, 2019 9:31 am
Matteo Bonandrini

Intervista in esclusiva a Matteo Bonandrini capo squadra della Souther Runners di Pernod Ricard.

In quale locale dove lavori? Quali sono le tue prerogative dietro il bancone?

Nato a Palermo, mi avvicino al mondo dei cocktails dopo la prima serata passata dietro al banco, mi ha subito incuriosito la miscelazione e la storia dei cocktails classici oltre alla convivialità che si crea nei bar. Adesso lavoro al Mak Mixology come Barmanager. Sono dietro al banco del Mak Mixology dalla sua apertura a tutt’oggi. Dietro al banco cerco sempre di mettere gli ospiti a proprio agio e cerco di far vivere loro un momento di svago, dal punto di vista tecnico mi piacere accontentate i nostri ospiti con drink adatti a loro, attraverso cocktails dal DNA classico che strizzano l’occhio all’innovazione!

Parlaci della tua esperienza personale al talent RUN THE MIX di Pernod Ricard, ti ha cambiato?

Fare il coach per i Souther Runners è stata una bellissima esperienza, collaborare con Alex Frezza per creare un team di lavoro formato da bartender che provenissero dal sud Italia è stato qualcosa di nuovo e di molto stimolante, mi ha fatto credere ancora di più nel lavoro di squadra.

La nostra strategia è stata quella di ricreare un servizio di un cocktail bar vero e proprio, abbiamo creato una drink list incentrata sul benessere, sul tempo e sulle diverse fasi della nostra vita rappresentate da tre volatili associati a tre drink, un colibrì per l’infanzia, un “punk bird” per l’adolescenza, ed una civetta per la maturità.

La squadra vincitrice

Giuria insolita, attenta, esigente, precisa, che ha messo a dura prova i concorrenti pressandoli sotto diversi punti di vista: Francesco Cione Bar Manager dell’Octavius di Milano ha valutato la tecnica, Marco Sacco, chef stellato patron del Piccolo Lago di Verbania, la capacità di sorprendere, esaltare e divertire attraverso il food pairing, Lucia Stragapede fondatrice di Pastichéri l’abilità di ‘vendere’ e fidelizzare il cliente, Nelum Francesca Caramini e Gabriele Litta drink stylist titolari di Fluffer Studio la bellezza della presentazione e l’armonia fra estetica e gusto, Alberto Vaccaro Coach certificato dalla World Association of Business Coaches l’empatia con il cliente e la capacità di relazione.

Ogni giudice è stato lasciato libero di ordinare la proposta che preferiva. I Cocktails sono stati preparati con ingredienti “healty” prestando attenzione all’utilizzo a 360° della materia prima, creando meno scarti possibili. Un’altra cosa molto importante è stata l’interazione con i giudici, una volta preparati i cocktails i ragazzi stessi hanno servito la giuria spiegando il concetto di ogni drink ed il loro food pairing.

La nostra proposta è stata:

Il Colibrì

Ingredienti e quantità:

40 ml di absolut elix
20 ml succo di pompelmo rosa
5 ml sciroppo di zucchero
15 ml panna fresca alla mandorla
15 ml mole poblano homemade
10 ml albume pastorizzato
2 gocce acqua fiori d’arancio
Soda

Garnish: grattugiata cioccolato

Come finger food

polpetta pollo alla mandorla con mole poblano e pomodoro secco

Punk bird

Ingredienti e quantità:

40 ml di tequila infusa alla banana
20 ml di gin monkey 47
100 ml di acqua di anguria cotto sottovuoto con timo limonato e santoreggio
20 ml succo di limone

Garnish: chips di banana

Per il food:

Coulis di anguria e una mousse allo yogurt salato aromatizzato al timo limonato e una chips di banana disidratata

La civetta

Ingredienti e quantità:

Jameson Black barrel 4cl
Fake Vermouth di cabernet
2 gocce Angostura
3 gocce Pernod
Profumo di rabarbaro sul finale
Zest di limone

Garnish: timo

Stir & strain attraverso polvere di caffè in tumbler basso con chunk cubo

RUN THE MIX è il nuovo talent di Pernod Ricard dedicato al mondo della mixology. Il contest si sviluppa in 3 fasi: una prima parte di educational finalizzati al consolidamento della propria preparazione e alla realizzazione di un signature cocktail healthy realizzato con i prodotti Pernod Ricard – Jameson, Chivas, The Glenlivet, Absolut. Vodka, Havana Club, Beefeater, Plymouth, Monkey, Altos e Ramazzotti – con un massimo di 7 ingredienti di cui 2 home made.

Fra tutti i partecipanti i 3 brand expert Pernod Ricard hanno selezionato i 5 componenti della propria squadra a rappresentare il nord, il centro e il sud Italia. In ogni squadra deve esserci un bartender sotto i 30 anni. La terza fase – Let’s Get Togheter –ha visto una giornata per definire la strategia vincente sotto la guida del proprio capitano e l’assistenza del proprio guest bartender.

Run The Mix è probabilmente il primo talent che premia la poliedricità dei bartender contemporanei, cavalca la nuova tendenza dell’healthy, e sostiene i giovani mixologist.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By