Categories: Storia dei cocktails

Spritz: dalle origini fino ad oggi

Lo Spritz è un drink del nord Italia, in particolare Venezia e la regione del Veneto, dove è pronunciato "Spriss"…

Agosto 21, 2019 12:06 am

Lo Spritz è un drink del nord Italia, in particolare Venezia e la regione del Veneto, dove è pronunciato “Spriss” (dal verbo tedesco Spritzen, che significa spruzzo o splash).

Storia
Le origini di questo cocktail da aperitivo risalgono alla fine del XIX secolo, quando Venezia faceva ancora parte dell’Impero austriaco. Durante questo periodo i soldati austriaci bevevano i vini locali veneti nelle taverne dove venivano accomodati, ma spesso li diluivano con acqua per ottenere una gradazione alcolica simile alla birra a cui erano più abituati a bere.

Quindi, lo Spritzer è una combinazione di parti uguali di vino bianco e acqua gassata.
In Veneto, lo Spritz Al Bitter è prodotto con i tradizionali vini bianchi veneti, Pinot Grigio, Soave o Prosecco. Il bitter utilizzato varia a seconda del gusto personale con Campari forse il più secco. Secondo il Gruppo Campari, in Veneto, ogni giorno vengono consumati circa 300.000 Spritz, più di 200 Spritz al minuto.
Altri liquori popolari usati includono Aperol, Gran Classico, Select o Cynar. La bevanda viene solitamente guarnita con una fetta di arancia.

Nel film commedia americano “Ti presento i miei” con Robert de Niro, Barbra Streisand e Dustin Hoffman, Streisand offre a De Niro uno Spritz italiano invece del suo solito Tom Collins. Il film segna forse l’inizio della diffusione globale e l’aumento della popolarità per lo spritz.

Ricetta
Molti barman a Venezia danno la loro ricetta per uno Spritz usando parole come “splash” piuttosto che proporzioni o ricette distinte. Tuttavia Campari, Aperol, Cynar e altri liquori popolarmente serviti in uno Spritz hanno fatto un buon lavoro nel comunicare ciò che pensano che dovrebbero essere le proporzioni di uno Spritz, promuovendo una formula 3: 2: 1 con 3 parti di processco, 2 parti di bitter e infine l’ultima parte è uno “spritz” di acqua gassata, il tutto servito su ghiaccio in un bicchiere a forma di calice.

La formula di Campari è un buon drink ma è diversa da quella tradizionalmente servita in numerosi bacari e osterie a Venezia dove prendono un bicchiere a forma di tumbler, (piuttosto che un calice) si riempiono di ghiaccio prima di usare il vino bianco locale come base, quindi aggiungendo il Campari o Aperol e finendo con uno spritz di prosecco.

Puoi creare qualsiasi spritz con sapori diversi usando liquori e combinazioni di liquori.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.