Categories: Storia dei cocktails

Storia dei Flip

Secondo il Dizionario Inglese di Oxford, il primo termine è stato utilizzato nel 1695 per descrivere una miscela di birra,…

Luglio 23, 2012 11:21 pm
Flip

Secondo il Dizionario Inglese di Oxford, il primo termine è stato utilizzato nel 1695 per descrivere una miscela di birra, rum e zucchero, riscaldato con un metallo rovente (“Così si vive in mare, mangiano biscotti e bevono flip”).

Il metallo rovente causa nella bevanda una spuma, la formazione di schiuma (o “flipping”) ha generato il nome. Nel corso del tempo, la percentuale di uova e zucchero aumenta e la birra è stata eliminata, e la bevanda ha cessato di essere servita calda.

La caratteristica dei flip (e aggiungere le uova alla lista degli ingredienti) è stato Jerry Thomas nel 1862 nel libro “Come Mix Drinks”. Thomas dichiara che “L’essenziale nei flip di tutti i tipi è quella di produrre la scorrevolezza, versando ripetutamente avanti e indietro tra due tazze.

Con il tempo, la distinzione tra Egg nog (uno spirito, uova, panna, zucchero e spezie) e flip (uno spirito, uova, zucchero, spezie, ma non panna) fu gradualmente codificata nei manuali americani. Negli ultimi decenni, le guide dei bar hanno cominciato a indicare la presenza di crema in un flip come optional.

Come fare un flip caldo?

Se hai intenzione di usare un semplice pezzo di metallo caldo avrete bisogno di un fuoco molto caldo. Abbiamo tentato di riscaldare oggetti metallici solidi utilizzando un fornellino e non ha avuto grandi risultati. Oltre a prendere un bel pò di calore, il metallo semplicemente non si scalda abbastanza per fornire il livello di ebollizione richiesta. Mentre i carboni non sono semplicemente gestibili in un cocktail bar affollato.
Chef di fama hanno sperimentato vari metodi per il rapido riscaldamento del liquido, da un riscaldatore ad immersione portatile. Il riscaldatore ad immersione è semplicemente collegato a una presa elettrica, poi una volta in temperatura, bisogna semplicemente immergerlo nel liquido. Non abbiamo provato, ma sembra essere un modo relativamente economico ed efficace per ottenere una buona azione. Lo svantaggio principale del riscaldatore a immersione è la mancanza di supporto o di custodia, è necessario tenerlo mentre si riscalda, più una volta che hai fatto devi continuare a tenerlo o appoggiarla su una superficie resistente al calore.

Per il momento i flip (quelli caldi) sembrano scomparsi dai bar ma chi può dire che un giorno ciò che sembra allontanato non possano tornare a riempire i nostri giorni. Oggi abbiamo fatto un passo avanti rispetto a ieri. Conosciamo la loro storia.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

This website uses cookies.