Categories: Noi e l'alcool

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942) è comunemente noto come gas esilarante,…

Luglio 17, 2019 7:57 am

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942) è comunemente noto come gas esilarante, è un gas incolore non infiammabile con un odore gradevole e leggermente dolce. Il suo soprannome si riferisce agli effetti stimolanti dell’inalazione, che includono risate spontanee, lievi allucinazioni e un effetto analgesico.
È usato in odontoiatria (dal 1844) come analgesico e uno dei farmaci anestetici somministrati prima dell’intervento.

Dal 1880 al miscela 50/50 di ossido di azoto e ossigeno (“gas e aria”) è stata utilizzata come antidolorifico durante il parto, anche se il suo uso in questo contesto sembra essere in calo in quanto non è una fonte affidabile di sollievo dal dolore.
L’ossido nitroso viene solitamente preparato mediante un attento riscaldamento del nitrato di ammonio, che si decompone in protossido di azoto e vapore acqueo.

Il gas è anche un additivo alimentare autorizzato, usato in panna montata spray e bibite gassate.

Barman e cuochi usano cariche usa e getta (appositamente progettate) che vengono caricate in piccole cartucce d’argento contenenti ossido di azoto altamente compresso per realizzare le proprie creazioni e schiume e per aerare le salse.

Le stesse attrezzature e le stesse cartucce utilizzate dagli chef, conosciute come “whip-its”. Come la maggior parte delle droghe ricreative come il protossido di azoto è pieno di pericoli.

Attenzione

L’inalazione del caricatore o del serbatoio di ossido d’azoto comporta rischi per la salute molto gravi. Questi includono il potenziale collasso polmonare e il congelamento poiché il gas è molto freddo quando rilasciato.
Quando i medici somministrano il protossido di azoto, questo viene mescolato con l’aria. L’inalazione da un contenitore pieno provoca un’assunzione di ossido di azoto puro, che porta alla privazione dell’ossigeno, causando potenzialmente ipossia e perdita di pressione sanguigna, svenimento o infarto. Per lo meno è probabile che causi nausea o vertigini.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.