Categories: Prodotti

Storia della bottiglietta del Campari Soda

Da giovane artista futurista italiano, Fortunato Depero esplodeva di creatività quando, nel 1915, annunciò la sua intenzione di reinventare l'intero…

Novembre 4, 2019 12:41 am

Da giovane artista futurista italiano, Fortunato Depero esplodeva di creatività quando, nel 1915, annunciò la sua intenzione di reinventare l’intero universo. Anche se potrebbe non aver raggiunto il suo obiettivo, Fortunato è riuscito nella sua vita a ridisegnare un oggetto quotidiano e trasformarlo in un’icona del design italiano. Stiamo parlando ovviamente della bottiglietta Campari Soda a forma di cono.

Campari Soda e la sua bottiglia unica sono approdate sul mercato italiano nel 1932. Secondo La Domenica del Corriere, il nuovo oggetto era una “vera novità e meraviglia della stagione”. L’invenzione di Depero aveva molte caratteristiche altamente innovative . Era il primo prodotto monodose, era pronto per il consumo e conteneva il perfetto mix pre-cena di Campari e soda. Poiché la bottiglia a forma di cono sembrava un bicchiere rovesciato, si potrebbe dire che questo futurista ha davvero capovolto le idee convenzionali di design.

Ciò che sorprende della riprogettata bottiglia Campari Soda di Fortunato Depero non è solo che è diventato un oggetto di culto, ma che ha ispirato e continua a ispirare generazioni di designer italiani. Mentre la maggior parte delle persone concorderebbe sul fatto che la cosa migliore da fare con un soda Campari è berlo, è la bottiglia che continua ad ossessionare tutti i creativi del mondo.

In perfetto stile Depero, per l’80° anniversario del Campari Soda viene celebrato con un altro re-design, questa volta dall’architetto e designer milanese Matteo Ragni.

“Riprogettare un’icona è il sogno di ogni designer del pianeta”, afferma Matteo Ragni. “Eppure in questo caso il progettista aveva il dovere di fermarsi e riflettere sull’essenza di un progetto in accordo con la storia e in armonia con la naturale evoluzione del tempo. Così, l’idea è nata per mantenere le proporzioni originali della bottiglia progettata da Fortunato Depero, vestendolo con abiti nuovi e più eleganti. Il suo motivo geometrico richiama gli elementi formali del design futurista. Triangoli e cerchi si ripetono attorno alla bottiglia per creare una presa sorprendente forte, che porta anche il logo Campari Soda e il simbolo dei suoi “80” anni.

Tutti i dipendenti del Campari Soda possono essere certi che ci saranno molti altri “aperitivi” accompagnati da questo simbolo senza età dello stile italiano.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.