Categories: Miscelazione Storia dei cocktails

Storia delle cannucce

Le cannucce rappresentano uno degli utensili da bar più antichi mai realizzati, ma la sua popolarità è arrivata solo con…

Marzo 25, 2018 12:34 am

Le cannucce rappresentano uno degli utensili da bar più antichi mai realizzati, ma la sua popolarità è arrivata solo con la rivoluzione industriale del 1800, con l’introduzione della paglia di segale e successivamente con cannucce di carta prodotte industrialmente. La sua capacità di trasferire una bevanda dal suo contenitore, attraverso un tubo alla bocca, ha fornito alcuni chiari vantaggi in alcuni casi nei quali bere non è auspicabile o efficace direttamente dai bicchieri. Inoltre, uno dei fattori più decisivi che ha dato popolarità alla cannuccia che ha oggi, è stata la moda e la tradizione alimentare iniziata nel 19° secolo in Europa e negli Stati Uniti.

Se guardiamo indietro nella storia, possiamo scoprire che alcune delle prime cannucce sono state create più di 5000 anni fa! Tra le rovine delle città e delle tombe sumeriche, gli archeologi sono riusciti a trovare cannucce in oro e lapislazzuli . Questi costosi manufatti del 3000 aC possono darci la prova che i disegni più semplici sono stati usati molto prima, probabilmente creati da legno intagliato o piante cave. Secondo lo scienziato, i sumeri usavano cannucce per bere la loro birra, preparata da fermentazioni molto semplici che costringevano i sottoprodotti solidi ad affondare sul fondo e lasciano sopra il liquido da bere. Dall’altra parte del mondo, in Argentina, i nativi usavano cannucce per diverse migliaia di anni. I loro semplici disegni in legno furono successivamente adattati in un dispositivo metallico chiamato ” bombilla ” che funge da paglia e setaccio per bere il tè.

Nell’Ottocento la moda di bere dalle paglie di erba di segale economiche e facilmente create divenne popolare, ma la loro debole struttura impediva loro di essere utilizzate in sessioni prolungate (l’acqua le avrebbe rapidamente trasformate in poltiglia). Insoddisfatto dello stato attuale delle cannucce, l’inventore americano Marvin C. Stone creò il primo modello di cannuccia moderna nel 1888.

Marvin Stone stava sorseggiando un julep alla menta con alcuni amici, ma non gli piaceva. Alla fine del 1800, quando ebbe luogo questo happy hour, paglia di segale naturale era lo strumento utilizzato per bere un liquore.

Ma Stone si ritrovò decisamente dispiaciuto di ciò che la paglia naturale stava facendo alla sua bevanda. La paglia andava in fondo a pezzi nel liquido, lasciando un aspetto sgradevole. Così Stone ha deciso di seguire un’idea. Ha iniziato avvolgendo un pezzo di carta attorno a una matita per creare una forma cilindrica. Quindi rimosse l’utensile da scrittura e incollò insieme i pezzi di carta arricciati. Sembra semplice, quasi da scuola materna. Ed è stato un successo immediato con i bevitori locali che erano entusiasti di godersi le loro bevande senza sedimenti. Sostenuto dall’entusiasmo per il suo tubo di carta, Stone brevettò una versione rivestita di paraffina nel 1888.

Con una lunghezza di 8,5 pollici e una larghezza sufficiente a impedire che i semi di limone si incastrassero, la cannuccia di Stone ha migliorato l’esperienza. Bere non solo è diventato più facile con il liquido limpido

Solo due anni dopo il suo brevetto, Stone, che possedeva una società di sigarette di carta, vendeva più cannucce fatte a mano rispetto ai portasigarette – il che era fantastico – ma le vendite lasciarono molte dita stanche. Quindi: un’altra innovazione. Una macchina inventata nel 1906 dal marchio Stone Straw Corporation ha sostituito il processo di avvolgimento manuale. La tecnica si è rivelata utile anche per la filatura di altri materiali a forma tubolare. Le radio prodotte in serie furono equipaggiate con tubi a spirale nel 1928 usando il processo di Stone, tutt’oggi, dai motori elettrici alle batterie ai trasformatori, utilizzano questa tecnica.

Il prossimo grande cambiamento nel consumo di bevande a base di paglia è avvenuto mentre guardava sua figlia non bere un milkshake con la paglia di carta rigida standard, Joseph Friedman, che lavorava a San Francisco nel settore immobiliare e optometria, ha avuto un’idea, la correzione era di ingegneria fai-da-te. Ha infilato una vite dentro una cannuccia diritta intorno al 2/3. Quindi, ha tirato un pezzo di filo interdentale attorno alla paglia, ma nelle scanalature della vite, che imprimeva depressione nel tubo di carta. Questo trucco ha permesso alla cannuccia – per la prima volta nella storia – di inclinarsi verso le labbra.

La domanda di brevetto di Friedman, presentata nel 1936, costituisce un caso descrittivo per l’aggiornamento del progetto. Il brevetto è stato concesso un anno dopo.

Ci volle un decennio affinché Friedman riuscisse a far funzionare il business, incluso trovare i soldi e il talento per costruire una macchina per sfornare i suoi pieghevoli. “Lui non era un abile macchinista con un background ingegneristico, ma era abbastanza intelligente da sapere dove trovare il talento”, spiega Alison Oswald, archivista del National Museum of American History.

La sua Flex-Straw Company ebbe un successo iniziale negli ospedali offrendo una sostituzione monouso alle bacchette di vetro vuote utilizzate all’epoca. Solo più tardi è stata commercializzata per uso comune.

Da quel momento in poi, la cannuccia è rimasta in costante popolarità (specialmente dopo l ‘invenzione di Joseph Friedman) Questa tendenza è iniziata negli anni ’60, quando la plastica ha consentito la creazione rapida ed economica di cannucce. Anche se le cannucce di plastica possono essere riutilizzate, questo non è stato praticato e grandi quantità di materiali di scarto non biodegradabili oggi possono produrre un grande impatto sul nostro ambiente. Per questo motivo, molte aziende internazionali stanno iniziando la produzione di cannucce biodegradabili.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By