Categories: Attrezzatura

Tastevin

Questo particolare strumento facente parte del Kit del Sommelier è l'icona nonché l'emblema dell'assaggio del vino. L'Origine di questo strumento…

Novembre 21, 2010 5:54 am
Questo particolare strumento facente parte del Kit del Sommelier è l’icona nonché l’emblema dell’assaggio del vino. L’Origine di questo strumento è antichissimo  lo possiamo ritrovare gia 3500 anni fa ma quello che utilizziamo ancora oggi risale al XVII secolo. Esiste in due precise fattispecie quello Bordolese a manico piatto e il Borgognone dotato di anello che è tra l’altro quello emblema dell’associazione Sommelier.  Naturalmente per l’analisi del vino è di base la natura della sua struttura appunto in Argento in quanto atto alla funzione di dissolvere l’Anidride Solforosa contenuta nei vini bianchi.
La sua forma è arrotondata dotata di anello poggiadito  è larga 8 cm e profonda 2 e porta al centro la Bolla di livello che non va mai superata quando si versa il vino per il suo assaggio. Tutt’intorno alla Bolla si sono poste 14 perline che con la loro azione di rottura essendo in rilievo danno vita a dei piccoli gorghi permettendo l’ossigenazione del Vino in seguito al suo preciso movimento rotatorio.
Le sue nervature sottili permettono l’esame delle sfumature e dei riflessi dei vini bianchi  e gli  otto incavi circolari mettono in evidenza le eventuali particelle in sospensione nei vini rossi.
Insomma un attrezzo perfetto per l’analisi completa e rapida del vino, non si lava mai con l’acqua ma con l’alcool per evitare il formarsi delle muffe. Nell’analisi dei vini bianchi il Tastevin va impugnato con la sinistra e il vino versato con la destra viceversa per l’analisi del vino rosso.
Va portato per ragioni pratiche nonché estetiche appeso al collo con una catena dotata di un moschettone è un attrezzo antico pratico ed elegante indice, nonché metro di valutazione, per i profondi conoscitori del vino.
Elaborazione tecnica e professionalità in un piccolo e prezioso strumento  quale è il Testevin.

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By