Categories: Cocktails Classici

The Last Word

The Last Word Servire in coupé Ingredienti e quantità: 2,0 cl Gin 2,0 cl Chartreuse verde 2,0 cl Maraschino 1,5…

Febbraio 18, 2019 10:07 pm

The Last Word

Servire in coupé

Ingredienti e quantità:

2,0 cl Gin
2,0 cl Chartreuse verde
2,0 cl Maraschino
1,5 cl Succo di Lime

Metodo: shake

Guarnizione Twist di lime

Commenti: Il cocktail ha un colore verdastro pallido, principalmente dovuto alla Chartreuse.

Storia: La prima pubblicazione in cui apparve The Last Word era nel libro di cocktail di Ted Saucier del 1951 Bottoms Up !. In esso Saucier afferma che il cocktail è stato servito per la prima volta circa 30 anni prima al Detroit Athletic Club e successivamente presentato a New York da Frank Fogarty.

Poiché questa data è la creazione della bevanda per i primi anni del divieto (1919-1933), di solito è considerata una bevanda dell’era del proibizionismo. Una ricerca negli archivi del Detroit Athletic Club di John Frizell rivelò in seguito che la bevanda era leggermente più vecchia, precedendo l’era del proibizionismo di pochi anni. Era già stato offerto nel menu del club del 1916 per un prezzo di 35 centesimi, diventando così il cocktail più costoso del club al momento.

Il cocktail cadde nel dimenticatoio qualche tempo dopo la Seconda Guerra Mondiale fino a quando fu riscoperto da Murray Stenson nel 2004. Stenson stava cercando un nuovo cocktail per lo Zig Zag Cafe a Seattle, quando si imbatté in una vecchia copia del libro di Saucier del 1952. Poco dopo essere stato offerto allo Zig Zag Cafe è diventato un cult nelle aree di Seattle e Portland e si è diffuso nei cocktail bar delle principali città del mondo. Ha anche generato diverse varianti come The Final Ward, probabilmente la più conosciuta tra loro.

The Final Ward

Servire in coupé

Ingredienti e quantità:

2,0 cl rye whiskey
2,0 cl Chartreuse verde
2,0 cl maraschino
2,0 cl succo di limone

Metodo: shake

Guarnizione: no

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By

Tre domande a Gian Paolo Di Pierro

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gian Paolo Di Pierro, barmanager del club Derriere di…

By