Categories: La professione

Ti hanno mai chiesto: Sei dipendente o proprietario?

Quello che voglio dire è: ti prendi l'onere e la responsabilità della proprietà oltre il tuo ruolo? Puoi essere un…

Maggio 7, 2019 8:59 am

Quello che voglio dire è: ti prendi l’onere e la responsabilità della proprietà oltre il tuo ruolo?
Puoi essere un dipendente che adempie a tutti i doveri nella descrizione del tuo lavoro. Fai quello che ti viene detto e ottieni ciò che ci si aspetta da te.
La gente ti chiederà se sei il proprietario. Questo è un complimento.
Perché assumere la proprietà anziché accettare semplicemente l’impiego? Se miri ad essere un general manager o un giorno di proprietario, è una buona pratica. Questo è l’atteggiamento di cui avrai bisogno per avere successo. È ciò che i gestori e manager stanno cercando in un partner a lungo termine.

Ecco alcune idee e modi specifici in cui puoi comportarti come se fossi tu il proprietario:

1 – I tuoi turni sono i tuoi turni
Arriva presto, preparati e sii energico. Questa è la base.
Ma più importante è assicurare ai tuoi ospiti che se torneranno di martedì dopo le cinque (o quando lavori) il tuo fantastico sé sarà lì. Un Big Mac o una Budweiser avranno lo stesso sapore ovunque ma tu offrirai loro sempre quel qualcosa in più, settimana dopo settimana.

2 – Eliminare determinate parole
Alcune cose che non dovresti mai più dire (o anche solo pensare!)

“Non è compito mio”. Anche se una certa operazione non spetta a te, ma allo stesso tempo è necessario farla subito, allora esci dai ruoli e abboccati le maniche .

“Non lo so” se non immediatamente seguito da “ma lo scoprirò”. Non sai tutto, ma non sei lontano dalla risposta. Anche se non trovi la risposta, il tuo sforzo sarà apprezzato.

“Sempre” e “mai”. Usa questi e avrai sempre torto e mai ragione.

3 – Non essere orgoglioso
Se sei offensivo o maleducato, farò del mio meglio per ignorarti.
Se ricevi delle critiche, cerca di capire come puoi usare quelle osservazioni per migliorare te stesso e il servizio. Tapparsi le orecchie non ti aiuterà a migliorare

4 – Chiedi perdono non permesso
Un ordine è in ritardo? Un ospite è infelice? Le probabilità dicono che i proprietari e i tuoi ospiti saranno lieti che tu abbia compreso il problema e fatto qualcosa per risolverlo con spirito d’iniziativa. Non vogliono una costante “cosa dovrei fare?” Dai dipendenti. Vogliono risolutori di problemi. Anche il semplice scusarsi del disagio può migliorare la situazione.

5 – Non proporre un problema senza una soluzione
Sulla stessa nota, non lamentarti. “Questo non funziona e questa è la mia opinione su come possiamo migliore.”
Quindi pensa a ciò che vuoi prima di esporre il problema. Potrebbero risolvere il problema in modo sbagliato, il che peggiorerebbe le cose.

Continuerai a finire i menu? Forse si stanno rovinando o perdendo. Cambiare materiali potrebbe essere una soluzione oppure chiedi di stampare più copie.
Siediti e analizza cosa è andato storto e come sarebbe potuto andare meglio. Avete bisogno di strumenti, organizzazione o una comunicazione migliore? I manager hanno sempre tanti problemi. Sii la forza che li sottrae piuttosto che aggiunge. Il tuo manager arriverà a fidarsi di te.

6 – Non è colpa tua, ma è la tua responsabilità
Assicurati che i tuoi ospiti si divertano. Se un cuoco commette un errore, non è colpa tua ma è una tua responsabilità evitare che il piatto arrivi al cliente finché non sarà perfetto. È elementare. Fai ciò che gli altri non faranno.

7 – Impostare il servizio quando sei assente
Se arriva un ospite quando non ci sei e riceve un pessimo servizio, lo dice alla gente e non tornerà più. Meno affari per te.
Se si divertono nel tuo giorno libero, spargono la voce, tornano e portano amici. Quindi assicurati che i ragazzi siano pronti. E mai parlare male o pettegolezzi su di loro.

Possederlo
Possedere il tuo turno è tutto quello che ti permette di essere il capo dell’intera esperienza degli ospiti. È l’ospitalità di livello superiore è ciò che separa i bravi barman dai grandi barman.
Inoltre è un ottimo allenamento per il giorno in cui sarai tu  il proprietario del bar, quindi meglio essere bravi ora.

Recent Posts

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By

Whizz Bang cocktail

WHIZZ BANG Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 2,0 cl Vermouth dry Noilly Prat 4,5…

By