Categories: Storia dei cocktails

Tom Bullock

Verso il 1917, quando l'America era orientata alla guerra e al proibizionismo, l'aristocratico e banchiere del sud George Walker Bush…

Marzo 23, 2018 12:37 am

Verso il 1917, quando l’America era orientata alla guerra e al proibizionismo, l’aristocratico e banchiere del sud George Walker Bush scrisse un’introduzione a un libro di cocktail di un certo Tom Bullock del St. Louis Country Club, nel Missouri.

Realizzato in una sorta di masticabile prosa latina che probabilmente ha acceso la passione di Hemingway per la semplicità,  la descrizione di apertura del libro di Tom recita: “Tom, non c’è più grande mixologist di qualsiasi razza, colore in condizione di servitù

Bullock era naturalmente un uomo libero nel momento in cui è stato scritto e probabilmente è nato libero. Eppure oltre alle generazioni di baristi senza volto asserviti nella casuale menzione della “servitù” – e la schiavitù era legale in molti stati americani fino agli anni ’60 dell’Ottocento – Bullock non era il primo barman afroamericano a farsi un nome.

Sebbene l’apertura del libro incuriosisce un uomo d’affari bianco, Lilburn G. McNair, il quale padroneggiava perfettamente i julep, fu Cato Alexander (1780-1858), un ex schiavo, che fu riconosciuto come il re dei julep quando i juleps arrivarono a New York . Per molti anni ha posseduto e gestito l’elegante Cato’s Inn, uno dei pochissimi bar di proprietà nera con una clientela bianca.

Gli schiavi che hanno mescolato le bevande nelle  grandi piantagioni rimangono, al momento della scrittura, in gran parte anonimi. Eppure il Barman era una delle poche professioni in cui un uomo di colore poteva prosperare anche mentre era ridotto in schiavitù.

John Dabney (1824-1900), schiavo della famiglia DeJarnette, fece tanti soldi mescolando mint julep nei migliori hotel di Richmond, in Virginia, che quando comprò sua moglie era persino vicino ad acquistare la propria libertà quando l’abolizione della schiavitù lo lasciò legalmente libero, anche se molti dei suoi clienti lottarono duramente per il diritto di ridurlo nuovamente in schiavitù.

Un altro uomo schiavo della Virginia, Jim Cook, riferisce David Wondrich, ha fatto una selezione di julep, pieni di decorazioni barocche, che quando il diciottenne principe di Galles visitò Richmond, in Virginia. È stato l’unico ricordo preferito del figlio della regina Vittoria del suo tour americano.

Uomini neri liberi possedevano saloon, da Steamboatman Exchange di New Orleans al Metropole Club di Washington DC. (A Washington DC c’erano sufficienti baristi neri per formare il Club dei Mixologist.) La maggior parte dei grandi hotel conservava sempre il ruolo di barman a uomini di colore – almeno quando si trattava di bere al bar, piuttosto che servirlo – fino al ventesimo secolo.

Come un uomo di colore che lavorava come barman, Tom Bullock era tutt’altro che solo. È stato il primo afro-americano a scrivere un cocktail book – o, piuttosto, a farlo pubblicare da editori bianchi – il che rendere sicuro il suo posto nella storia del cocktail.

Walker stesso – che senza dubbio ha respinto alcuni cocktail quando ha contribuito a organizzare la World’s Fair di St Louis del 1904 – considerando The Ideal Bartender il meglio del meglio. “Nell’ultimo quarto di secolo ha rinnovato e deliziato i membri e i loro amici del Pendennis Club di Louisville e del St. Louis Country Club di St. Louis”, (Anche Bullock sembra aver lavorato al Kenton Club.)
Sappiamo molto poco della vita di Tom Bullock finora. Probabilmente era nato nel 1872 e vissuto fino al 1964. Potrebbe essere stato figlio di un soldato o di uno schiavo. Sembra che abbia lavorato nei vagoni ferroviari e in diverse città, iniziando come fattorino negli alberghi.
Ma abbiamo il suo libro. È una risorsa eccezionale sugli ingredienti pre-proibizionisti – pubblicata poco prima che il proibizionismo uccidesse la carriera di barista Bullock.
The Ideal Bartender è un ottimo riferimento per le bevande calde in stile classico. E fornisce la meravigliosa istantanea del tipo di drink che gli oligarchi di Gilded Age godevano, sia nelle loro case di campagna che nei loro club.
Deludentemente, però, ci dà ben poca idea di chi fosse Bullock stesso.
Sebbene i parenti sopravvivano a lui – la sua creatività non ha lasciato segni sul suo libro.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.