Categories: Interviste mixologist in evidenza

Tre domande a: Gianluca Amato, barmanager del Jacky bar

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Amato De Serpis, barmanager del Jacky bar del Tiberio Palace Hotel di Capri
. Raccontaci…

Giugno 8, 2019 11:46 pm

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Amato De Serpis, barmanager del Jacky bar del Tiberio Palace Hotel di Capri
.

Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinato/a al mondo dei cocktail?

Sono nato a Pozzuoli, in provincia di Napoli e cresciuto a Roma, a 17 anni trovo il mio primo impiego, a Frascati, da barista caffettiere. Inizia la mia gavetta come caffettiere, barista con servizio di gastronomia. Dopo varie esperienze in giro per i dintorni di Roma, arrivo al Centro, precisamente da Vitti, punto di riferimento di San Lorenzo in Lucina. Nel 1999 frequento un corso AIBES, conoscendo Maestri come Leonardo Temperini, Francesco Pierluigi e Massimo D’Addezio.

Parto per l’Austria e il mio contatto con D’Addezio mi permette di tornare a Roma, allo Stravinskij Bar dell’Hotel de Russie, orgoglioso di far parte di una grande compagnia alberghiera. Per imparare l’inglese sono poi approdato in Scozia, esattamente a Edimburgo, al Balmoral Hotel e in seguito in uno dei più bei golf resorts scozzesi, il Gleneagles Hotel. Di nuovo allo Stravinskij Bar di Roma e nel 2004 arrivo in Costiera Amalfitana, presso il Palazzo Sasso, miglior Hotel al Mondo nel 2004 per la Condè Nast Traveller. Quindi Parma, di nuovo Roma e Taormina, come barmanager della Belmond Company e nel 2015 parto per la Republica Domenicana, da cui torno un anno dopo per andare al Poltù Quatu Hotel, dove ho avuto l’onore di avere un grande mentore come lo Chef Heinz Beck e la sua formidabile squadra di cucina.

In quale locale lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone? Quali sono le tue prerogative dietro il bancone?

Dal 1 aprile di quest’anno mi trovo a Capri, al Tiberio Palace 5 Stelle, parte di Leading Hotels of the World, per la nuova stagione estiva presso il Jacky Bar, un cocktail bar stile-Cuba anni Cinquanta con un design impeccabile, ricco di dettagli. Le mie prerogative seguono i dettami di un savoir-faire naturale con propensione all’ospitalità, la cura del minimo dettaglio, la comunicazione ed empatia con la clientela. Ordine e pulizia restano alla base di ogni bar che si rispetti e tanta creatività.

Ecco per esempio una mia ricetta della drink list creata per il Jacky bar, in occasione del Centenario del Negroni, di cui propongo quattro mie versioni. Una di queste è il Pablo Neruda, dedicato al poeta cileno e al film Il Postino che lo vede protagonista. Cileno è anche il distillato da mosto di uve, il Pisco, messo in infusione nel mixing glass ben freddato con una bustina di the nero Lapsang Souchong a cui aggiungo del Vermouth Dolce Oscar 697 in parti uguali, con il bitter Campari. Si mescola il tutto e si versa in un bicchiere Old fashioned precedentemente raffreddato, con ghiaccio e gocce di Chunco bitter e un twist di arancia.

Raccontaci una tua ricetta e il tuo cocktail preferito

Il mio drink preferito rimane, come sempre dal mio inizio di carriera, il Cocktail Martini, sia per il fascino della sua preparazione, sia perchè sembra semplice, pur non essendolo affatto.

Ne ho uno mio nella drink list e adoro berlo sul ghiaccio, accompagnato con delle olive verdi. Si chiama “L’Eco di Umberto” e nasce in omaggio al grande filosofo e scrittore, che scriveva sorseggiando il suo Martini in un tumbler basso con dei grossi cubi di ghiaccio, senza mai ubriacarsi. Eco amava il Martini tanto che avrebbe voluto sempre entrare in ogni bar e chiedere Il Solito anche se il baman non sapeva chi fosse. Ecco la mia ricetta ispirata a Umberto Eco:

DRINK: ECO DI UMBERTO
Versare:
6.0 cl di VII Hills Italian Dry Gin e cubi di ghiaccio con nebulizzazione di Vermouth Dry Oscar 697 in un mixing glass ben freddo, stirrare quanto basta e versare in bicchiere Old Fashioned. Guarnire con due grosse olive Bella di Cerignola e Salute!

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By

Tre domande a Gian Paolo Di Pierro

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gian Paolo Di Pierro, barmanager del club Derriere di…

By