Categories: mixologist in evidenza

Tre domande a Gianluca Di Giorgio

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Di Giorgio, bar manager del Lamo (Milano) Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Novembre 11, 2019 11:14 pm

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Di Giorgio, bar manager del Lamo (Milano)

Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinato/a al mondo dei cocktail?

Mi chiamo Gianluca Di Giorgio e sono di Palermo, anche se la mia carriera professionale mi ha portato a trasferirmi a Milano.
Aspirante ingegnere nucleare, comincio per gioco a lavorare in qualche baretto della città.
Alla fine cedo, decido di utilizzare il know-how appreso negli studi universitari (progettazione, studio, ricerca) e mi dedico totalmente al bartending. Perché? Perché dietro al banco bar ero più felice.
Collaboro con diversi ristoranti e hotel della zona prima di approdare al Bocum, dove dopo 2 anni di lavoro arrivano importanti riconoscimenti. Vincitore del premio i migliori cocktail bar d’Italia con gambero rosso, finalista premio strega mixology, numerose citazioni su guide e articoli. Collaboro nel progetto di rilancio del Marsala nel mondo della mixology..marsala Revolution by Cantine Pellegrino.

In quale locale dove lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone? Quali sono le tue prerogative dietro il bancone?

Da alcuni mesi a Milano mi occupo del cocktail Bar di Lamo, fusion restaurant in zona centrale/repubblica dove sto progettando un nuovo format di bar legato al mondo della ristorazione.
Il mio cocktail preferito è il negroni. Perché mi ricorda Palermo. La forza del gin, forte come i profumi delle sue strade, la parte dolce del vermouth dolce come il calore e l’affetto dei palermitani, amaro (campari) come il rimpianto di una città che ha sempre meno di quello che merita.

Raccontaci una tua ricetta

La mia filosofia, il mio modo di miscelare lo definirei italiano e innovativo.
Italiano perché preferisco l’abbinamento dolce-amaro e la liquoristica italiana
Innovativo perché utilizzo tecniche che vengono dal mondo della cucina per estrarre gli aromi o per preparare i miei cocktail.

La ricetta “Italian 75”:

London Dry Gin 5 cl
Liquore al finocchietto selvatico Giardini d’Amore
3 cl Succo di agrumi
2 cl Franciacorta Brut
Twist arancia e finocchietto fresco

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.