Categories: mixologist in evidenza

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Giugno 16, 2019 11:48 pm

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma

Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinato/a al mondo dei cocktail?

Vengo da San Giorgio la Molara, un piccolo paesino della provincia di Benevento. Qui ho cominciato a lavorare nella ristorazione molto presto, all’età di 14 anni in un ristorante di amici durante il fine settimana. Dopo il diploma mi sono trasferito a Roma per studiare architettura e arredamento degli interni, dove mi sono laureato nel 2010, continuando a lavorare quasi tutte le sere da responsabile di sala in diversi ristoranti.

Dopo qualche anno ho conosciuto Daniele Gentili diventato da subito mio “fratello maggiore”, chiamandomi per far parte dello staff del Micca Club come bar back. Ho accettato subito, nonostante perdessi qualche grado rispetto alle mansioni che ricoprivo al momento, ma ho subito pensato “quando mi ricapita”. Nonostante ricoprissi il ruolo “sporco” dei bartender, rubavo con gli occhi e nelle serate con poca affluenza o nelle mie serate di riposo, mi montavo la mia postazione e mi facevo spiegare da Daniele i trucchi del mestiere. Da li a qualche mese, era il 2010, ho fatto il passaggio di livello da bar back a bartender di uno dei locali più in voga di Roma.

Si, sono testardo e se voglio arrivare all’obiettivo ci arrivo costi quel che costi: dopo due anni ho ricoperto, il ruolo di bar manager del Caffè degli Orti a Ponte Milvio, un locale estivo aperto 5 mesi l’anno. Nel 2013 un socio del Caffè degli Orti mi ha proposto di diventare il bar manager del Beere&Mangiare e da li sono passati sei anni.

In quale locale dove lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone? Quali sono le tue prerogative dietro il bancone?

Del Beere&Mangiare dal 2013 sono il bar manager, ma non solo, in quanto non mi sono mai riuscito a soffermare solo all’area bar e a quella pedana che ci divide dalla sala e dal resto del locale, mi piace vivere il locale a 360 gradi e supportare i miei colleghi in sala. Per loro io sono il loro “Direttore”, non solo perchè sono il più anziano ma anche perchè, dopo sei anni, questo è il mio locale e mi piace curare ogni piccolo dettaglio e stare dietro anche alle tante attività e difficoltà. Cosi vivo anche il mio bar: studio, passione e tanta ricerca, ma la cosa che mi da più soddisfazioni è di far star bene il cliente, coccolandolo da quando entra a quando va via, perchè, se quel cliente ritorna, non è solo per la qualità del drink, ma, soprattutto, per quanto quella sera si è sentito importante e coccolato.

Raccontaci una tua ricetta e il tuo cocktail preferito

Ho recentemente realizzato una ricetta ispirata al film Un americano a Roma, con Alberto Sordi. Si prepara con:

1,5 cl di sciroppo homemade di bourbon Maker’s Mark,

7 dash di Amaro Formidabile e

6 cl di VII Hills Italian Dry Gin.

In un bicchiere Old Fashioned si uniscono lo sciroppo homemade del bourbon Maker’s Mark, 7 dash di Amaro Formidabile, per ricordare i 7 colli romani e infine in 3 tempi si vanno ad aggiungere i 6 cl del VII Hills Italian Dry Gin. Per ognuno dei 3 tempi va aggiunto del ghiaccio e il cocktail ha bisogno di essere stirrato. Ottenuta la giusta diluizione, si guarnisce con una chip di carciofo alla Giudia, come da tradizione romana. Servire tassativamente senza cannuccia!

Per quanto riguarda il mio cocktail preferito… di sicuro è il Margarita! Amo questo cocktail, non solo perchè sono pazzo per quel distillato di agave, ma anche perchè adoro il Messico e, purtroppo, ancora solo sulla carta, pur avendo in programma di andarci molto molto presto. L’amore per questo drink è cresciuto maggiormente nell’ultimo anno per una bella storia dietro che non si può raccontare qui perchè una mia, personale “passione”.

Andrea marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

This website uses cookies.