Categories: Prodotti

VII Hills gin

VII Hills gin nasce dalla passione di 3 amici-colleghi che sono nel mondo del beverage da più di 15 anni,…

Gennaio 29, 2015 9:09 am
VII Hills gin nasce dalla passione di 3 amici-colleghi che sono nel mondo del beverage da più di 15 anni, dopo aver girato il mondo per lavoro si rincontrano a Londra, lavorando al Mr Fogg’s rinomato locale di Londra quotato Best Bar 2014

da Food&Travel magazine e nominato tra i 50 Best Bar in the World.
Danilo Tersigni, Francesco Medici e Filippo Previero, una volta riuniti dietro ad un bancone, la loro passione per il mondo beverage li ha spinti a creare un qualcosa di unico e di italiano, volevano riempire un buco lasciato nella categoria più importante al mondo con un gin italiano. Dopo diversi, vari e vasti progetti scelsero di creare il primo London Dry Gin italiano distribuito all’estero dopo la distilleria Sarti chiusa negli anni ‘60.
 VII Hills gin è l’essenza italiana distillata dalla millenaria cultura inglese. Usando esclusivamente botanicals utilizzati nell’antica Roma da qui il nome VII Hills (sette colli).
VII Hills è il primo gin ad utilizzare Alexander Roots (una radice trovata da Alessandro Magno) invece che Angelica impiegata in tutti i gin, combinandola con vere e proprie essenze romane ed italiane: cuori di carciofi, salvia, finocchio, sedano, arance rosse, miele ed ovviamente ginepro. All’odore il gin è intenso ma non pungente, con picchi di finocchio e salvia, alla bocca invece arriva cremoso con un esplosione di sapori derivanti da carciofo, ginepro e miele.
Il colore è pulito. Il gin è favoloso da solo, da sorseggiare o anche in un gin-tonic con una fetta di arancia. Il “Perfect Negroni” è il suo cavallo di battaglia, finalmente un negroni tutto italiano… (gin italiano, vermouth italiano e Campari).

CARTA D’IDENTITA’
Nome: VII Hills
Origine: Inghilterra(Cambridge)
Gradazione alc.: 43% vol.
Botanicals: 7 – ginepro, cuori di carciofi, salvia, finocchio, sedano, arance rosse, miele.
Note dominanti: sentori di finocchio, salvia e carciofo.
Segni particolari: nasce da un’idea di 3 barman italiani. Bottiglie numerate e firmate a mano. Utilizza solo botanicals italiani, già utilizzati nell’antica Roma.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.