Categories: Prodotti

Vodka e Gin fatti con l’uva?

Noto per le celebri bolle e vini, tra cui il blend surrealista di Cabernet Sauvignon e Petit Verdot, il francese…

Giugno 23, 2018 7:01 am

Noto per le celebri bolle e vini, tra cui il blend surrealista di Cabernet Sauvignon e Petit Verdot, il francese Jean-Charles Boisset ha 24 cantine e vigneti che racchiudono migliaia di ettari in Francia, Canada e California. Tra cui include Buena Vista a Sonoma, il più antico vigneto della California, i DeLoach Vineyards a Santa Rosa, e un’elegante sala di degustazione al Ritz-Carlton di San Francisco.

Ma perché fermarsi qui? La Collezione Boisset produce ora quattro distillati di Pinot Nero e Chardonnay prodotti in Borgogna per creare una vodka e un gin premium (125 euro a bottiglia), oltre a una vodka con infuso di caviale e una vodka al tartufo (150 euro ciascuna). Usando solo uve selezionate a mano e l’acqua più pura delle antiche sorgenti francesi, i viticoltori trasformano l’uva in vino e la distillano lentamente sette volte in raffinati e puri distillati. Dopo la distillazione, solo i migliori lotti vengono selezionati per diventare JCB Spirits confezionati a mano, a singola annata, a piccoli lotti.

Tradizionalmente Boisset non un grande bevitore di alcolici, è arrivato ad un momento cruciale con questa collezione. “Credo davvero che il futuro sarà avere il pieno controllo degli ingredienti”, dice, “e cosa c’è di meglio del caviale e del tartufo? A meno che tu non abbia qualcosa di così diverso e unico, perché entrare nel mercato dei distillati? “Come un fanatico del caviale auto-descritto, la vodka infusa al caviale è la più difficile da produrre e in seguito la preferita di Boisset. “Volevo concentrarmi sull’interno dell’uovo di caviale e la freschezza dell’oceano.” Questo era in parte per impedire alla vodka di diventare torbida e migliorare la shelf life dello spirito. Raccomanda di mettere la bottiglia nel congelatore e di servirla pura.

Boisset ha anche voluto perseguire la sfida, se l’uva potesse essere la scelta per gli alcolici distillati del futuro – poiché sono già la base per il Cognac – e ha deciso di distillare le migliori uve della Borgogna di Chardonnay e Pinot Noir per creare i suoi nuovi elisir. “Il nostro obiettivo è rivoluzionare l’ingrediente”, dice. “Siamo i leader in Borgogna, quindi perché non dovremmo essere noi a guidare questo nuovo livello?” Chiede. “Nel momento in cui si distillano le uve si ottiene una struttura molecolare in bocca che è fenomenale. Non è una vibrazione acuta, astringente o alcolica, è una densità e un palato ricco che ti permette di avere qualcosa di unico “.

Il gin era ispirato allo stile secco del London Dry e derivava da 44 piante. Il ginepro è sottile e si fonde con tutto, dal cardamomo, cannella il coriandolo e camomilla. Boisset ritiene che il gin sia la bevanda più interessante sul mercato perché è così complessa ed evocativa. “Quando combini l’alchimia delle piante e delle erbe del giardino per eccellenza con il principio guida del ginepro, crei qualcosa che sia assolutamente etereo. Le erbe, le piante e l’energia creano qualcosa di elettrico. ”

Le grandi bottiglie per gli spiriti erano state disegnate con alambicchi del XVIII e XIX secolo e prodotte da Saverglass. Per ora, la collezione è guidata dalla proprietà con solo 3.600 bottiglie per ogni vodka e 2.400 del gin in produzione, ma Boisset non si ferma qui. “Ci piacerebbe ottenere fino a 12.000 – 15.000 bottiglie. La rivoluzione è iniziata.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

This website uses cookies.