Categories: Miscelazione

Voglio creare un bitter, come posso fare?

Domanda molto frequente nella nostra community, per dare una risposta chiara riteniamo importante fare un passo indietro, per capire alcuni…

Maggio 12, 2020 10:59 pm

Domanda molto frequente nella nostra community, per dare una risposta chiara riteniamo importante fare un passo indietro, per capire alcuni principi chiave, che ci aiuteranno a trovare la giusta soluzione al quesito. Iniziamo con un’analisi della domanda per capire se è veramente necessario creare un bitter da zero e come fare qualora non avessimo altra scelta:

Perché nasce questa necessità?
A quale scopo?
Cos’è la qualità?

Perché nasce questa necessità?

Cosa ti spinge a dover creare qualcosa di nuovo? Quali sono le tue necessità? Esistono già numerosi brand che svolgono questo lavoro per te, con risultati di altissimo profilo organolettico e visivo. Se vuoi guidare un’automobile è più sensato comprarne una già fatta o costruirne una? Probabilmente l’auto comprata sarà migliore della tua, oltre a questo non dovrai adempiere a tutti gli obblighi di legge necessari per mettere l’auto su strada. Nel caso del nostro bitter è la stessa identica cosa oltre a ottenere un prodotto di qualità inferiore nel 99% dei casi, dovrai rispettare tutte le norme Haccp e probabilmente cambiare il tuo piano di autocontrollo.

A quale scopo?

Possiamo tuttavia capire che per determinati drink possa nascere questa necessità, ma siamo sicuri che non esista già un prodotto in commercio con le caratteristiche che stai cercando di ottenere? Crediamo che nel mercato sicuramente già esiste un prodotto affine e probabilmente migliore rispetto alle nostre aspettative e al risultato ottenuto con un homemade.

Cosa è la qualità?

Molte persone nella storia si sono posti questa domanda e tantissimi libri sono stati scritti a riguardo. Il discorso è piuttosto lungo e probabilmente inopportuno in questa sede. Tornando al bar e al nostro bitter, la domanda che dovremmo porci è questa: posso ottenere un prodotto migliore rispetto ad esempio del Bitter Campari o di Angostura Bitter? Posso ottenere un prodotto costante nel tempo (gusto, aspetto)?
La risposta è no, ci dispiace.

Non ho altra scelta devo creare il mio bitter

Forse il problema è nella domanda, proviamo a cambiare la parola “creare” con “modificare” e otterremo questa formulazione della domanda:

Voglio modificare un bitter, come posso fare?

È già molto meglio, partiamo già da una base alcolica che contiene molte risposte a cui non potremo mai rispondere. È comprensibile che i bitter che abbiamo a disposizione ci possano andare un po’ stretti per alcuni cocktail di nostra creazione, tuttavia non è necessario partire da 0, posso modificarli. Mi serve un bitter con un’aroma particolare? Aggiungo esclusivamente quella spezia, erba aromatica, fiore, radice…che mi serve
Effettuerò una aromatizzazione instantanea con un sifone, oppure una semplice macerazione in alcool e il gioco è fatto. Quando devo scegliere, scelgo sempre la soluzione più semplice (non più facile).

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.