Categories: Merceologia Prodotti

Whisky Giapponesi

Il Giappone ha dato i suoi contributi al mondo, con alimenti e bevande, come sushi, sashimi, teriyaki, Saki e birre quali…

Maggio 27, 2018 10:53 pm

Il Giappone ha dato i suoi contributi al mondo, con alimenti e bevande, come sushi, sashimi, teriyaki, Saki e birre quali Asahi, Kirin, Sapporo e Suntory.

Tuttavia negli ultimi anni, i risultati delle degustazioni alla cieca di Whisky, in più di un’occasione, hanno avuto i single malt giapponesi con punteggi più alti rispetto ai loro omologhi scozzesi, così abbiamo deciso di esplorare la storia, lo stile e il gusto dei whisky giapponesi.

Una breve storia
La produzione di whisky in Giappone è iniziata intorno al 1870, ma la prima distilleria commerciale è stata fondata nel 1923. A grandi linee lo stile giapponese è più simile a quello del whisky scozzese, e quindi l’ortografia di norma segue la convenzione scozzese (omettendo la lettera ‘e’) . Shinjiro Torii e Masataka Taketsuru sono considerate due delle figure più influenti nella storia del whisky giapponese.

Masataka Taketsuru era un chimico giapponese e uomo d’affari. Nato in una famiglia che
possedeva una fabbrica di birra, ha frequentato l’Università di Glasgow nel 1918 per studiare chimica organica. È riuscito a trovare un lavoro in alcune distillerie scozzesi, dove ha meticolosamente registrato ogni aspetto del processo di distillazione. I suoi appunti fornirebbero il fondamento dell’industria del whisky del Giappone.
Shinjiro Torii era un commerciante di successo che importava liquori occidentali. Tuttavia egli non era soddisfatto di questo successo, in realtà voleva creare un whisky giapponese per i giapponesi. Torii ha deciso di costruire la prima distilleria di whisky giapponese, in Yamazaki, alla periferia di Kyoto.
Torii assunse Masataka Taketsuru come dirigente della distilleria. Questa attività avrebbe poi fatto nascere il whisky Suntory. Masataka tuttavia nel 1934, andò a Taketsuru e aprì la sua distilleria, chiamata Nikka.
Suntory e Nikka sono le due distillerie più note in Giappone. Entrambe producono whisky single malt.

Arte, stile e la filosofia
Anche se i metodi giapponesi di distillazione del whisky sono presi dal progetto scozzese, si sono evoluti in un’espressione unicamente giapponese nel corso del tempo. Sebbene complesso, il carattere di fondo è una filosofia giapponese: armonia, equilibrio e profondo rispetto della natura.

I migliori artigiani giapponesi sono noti per sottolineare la bellezza e lo spirito trovato all’interno della natura e ogni ingrediente durante la creazione di un’armonia tra sapori diversi, senza aggiungere o togliere loro l’essenza individuale.

C’è più attenzione al corpo e alla texture in Giappone che in molti altri paesi. I whisky giapponesi sono caratterizzati da un delicato, equilibrato, soave, si sentono bocca con un rivestimento, che non è mai veramente aggressivo.

Yamazaki (Suntory) 12 anni – Questo 12 anni dalla Yamazaki è stato il primo single malt serio commercializzato dal Giappone venduto nel mercato nel 1984.
È piacevolmente floreale con un pò di frutta tropicale. Al palato è liscio e morbido, con una buona dolcezza, spezie invernali con note di cannella e un finale medio caldo.

Yamazaki (Suntory) 18 yr – Un pluripremiato single malt giapponese, il leggendario 18 anni di età ha vinto l’international Spirits Challenge con un oro e un doppio oro al San Francisco World Spirits Competition per molti anni.
La caratteristica dolcezza della frutta secca come uva passa e albicocche, cannella spezie, e un accenno di cioccolato fondente che viene dalla maturazione in botti di sherry. Complesso ma equilibrato, il finale è di buona lunghezza, maturo con sentori di rovere (da lungo invecchiamento), frutta e qualche scorza di agrumi.

Taketsuru (Nikka) Pure Malt 12 anni – Questo è una miscela delle due distillerie di whisky di malto e Yoichi Miyagikyo chiamata in onore di Masataka Taketsuru, il fondatore di Nikka.
È caratterizzato da una ricchezza profonda e saporita. Note di frutta rossa, miele, legno spezie, con appena una traccia di fumosità per tirare insieme tutti gli aromi.

Yoichi (Nikka) Single Malt 15 anni – Questo è un single malt whisky distillato ed invecchiato nella distilleria Yoichi in Hokkaido, luogo di nascita di Nikka whisky che è stato ispirato da tradizioni e metodologie scotch. Yoichi è stato scelto per le sue simili condizioni ambientali con la Scozia, quindi questo single malt ha molta somiglianza con un whisky prodotto vicino alla costa, in particolare i sapori salmastri consegnati dalla brezza marina durante il processo di invecchiamento. La distilleria Yoichi ed il single malt 15 anni ha vinto premi al l’international Spirits Challenge.
È audace e distintivo, complesso e fumoso, con sapori di frutta matura come mela e pera e sentore di spezie come la noce moscata e lo zenzero.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

This website uses cookies.