Categories: Cocktails Classici

Zombie cocktail storia e ricetta

Fino all'arrivo del Mai Tai, lo Zombie cocktail era la bevanda Tiki più famosa al mondo. Ha dato il via a…

Agosto 26, 2019 11:36 pm

Fino all’arrivo del Mai Tai, lo Zombie cocktail era la bevanda Tiki più famosa al mondo. Ha dato il via a tutta la mania di Tiki e ha messo Don The Beachcomber al centro. Donn Beach ha mantenuto la sua ricetta originale del 1934 un segreto strettamente custodito, al punto di codificarla. Le bottiglie erano codificate con dei numeri che corrispondevano alle bottiglie presenti nel suo bar, che non avevano altra identificazione; il contenuto effettivo delle bottiglie era un mistero completo per i dipendenti che le mescolavano.

Alcuni bar rivali hanno cercato di rubare i drinks di Donn assumendo i suoi barman – costringendo gli altri Tiki bar a improvvisare le loro versioni dello Zombie, di solito molto alcolici ma con poca ispirazione. Dato che Donn non rivelò mai la sua ricetta a nessuno che non fosse il suo staff più fidato, nel tempo questi knock-off di Zombie mediocri divennero la norma.

Nel 1994 il barman Beachbum Berry iniziò una ricerca per rintracciare la ricetta originale dello Zombie di Donn. Dopo dieci anni e diversi vicoli ciechi nel 2005 incontrò Jennifer Santiago, il quale apparve con il quaderno delle ricette di cocktails che suo padre Dick aveva tenuto in una tasca della camicia durante i suoi 15 anni al Don The Beachcomber. Molte delle ricette del quaderno erano state rielaborate, ribattezzate o tagliate del tutto dal menu del Beachcomber nel 1940 – dimostrando che il taccuino di Dick risale agli anni ’30, forse 1937, l’anno in cui fu assunto. Il che significava che lo Zombie del quaderno potrebbe benissimo essere la versione originale del 1934.

Nell’ultima pagina del quaderno però, scarabocchiata, c’era una ricetta per il “New Don’s Mix” ingrediente presente nello Zombie: due parti di succo di pompelmo in una parte … “Spezia # 4”? Un altro nome in codice!

Beachbum chiese a Bob Esmino del venerabile bar Tiki-Ti se avesse mai sentito parlare delle Spezia # 4. Dato che il padre di Bob Esmino, Ray, era uno dei barman originali del Beachcomber nel 1934.

Bob Esmino sapeva cos’era il n. 4? Bob Ridacchiò, che non aveva pensato a quella preparazione da 40 anni. “Era uno sciroppo di cannella.”

Armati di questo ultimo pezzo del puzzle liquido, viene finalmente mescolato uno Zombie Punch di Don The Beachcomber del 1934. E ora puoi farlo anche tu.

Per crearne uno, unisci:

2,5 cl succo di lime fresco
1,5 cl fernum
4,5 cl rum portoricano gold o rum giamaicano gold oppure dark
3,0 cl 151-proof Lemon Hart Demerara rum
1 cucchiaino di granatina
6 gocce di Pernod
dash di Angostura
1,5 cl Don’s mix

Metti questo mix in un blender con ghiaccio tritato (3/4 di tazza), quindi mescola per non più di 5 secondi. Versare in un bicchiere da Tiki o un altro bicchiere alto. Aggiungi cubetti di ghiaccio per colmare. Guarnire con un rametto di menta.

Donn ha definito il suo cocktail “un riparatrice di sogni infranti”. Pensiamo che sarai d’accordo. Ma procedi con cura: Donn stesso non ne servirebbe più di due a un cliente.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.