Categories: Storia dei cocktails

Fosco Scarselli

Fosco Scarselli è noto oggi come il creatore del cocktail Negroni. Eppure, durante la sua vita, aveva una reputazione come…

Marzo 7, 2018 10:34 pm

Fosco Scarselli è noto oggi come il creatore del cocktail Negroni. Eppure, durante la sua vita, aveva una reputazione come uno dei migliori barman-psicologi.
Secondo un articolo del 1962 in Rivista Gente, Scarselli era “la figura ideale del barista: confidente, psicologo … apprendista stregone nelle combinazioni di liquori che conciliano l’uomo che salva la vita”.

Oppure, come ha detto Scarselli: “Il lavoro del barman non è un lavoro, il barman deve cambiare a seconda del cliente che gli sta di fronte, deve saper e indovinare il sapore e l’umore che dovrebbe offrirgli … una sorta di panacea contro umori oscuri o inversioni di fortuna. ”

Nato in Toscana, il ruolo più famoso di Scarselli è stato dietro al bar del Caffè Casoni di Firenze, oggi Caffè Giacosa e di proprietà del designer Roberto Cavalli.

Una combinazione di drogheria, profumiere, caffetteria, il Caffè Casoni era popolare con un curioso mix di aristocrazia fiorentina e turisti americani e inglesi.

L’Americano – una miscela di vermouth, Campari e soda, una volta conosciuta come Milano-Torino – era una bevanda popolare all’epoca. Ma uno dei clienti abituali di Scarselli, il conte Camillo Negroni, che era tornato di recente dall’Inghilterra, ha chiesto un drink “più robusto” – con gin aggiuntivo, uno spirito che aveva imparato ad amare nel Regno Unito.

Negroni, non era un bevitore principiante. Poteva, secondo Scarselli, consumare fino a 40 cocktail in un giorno. (Una lettera di un amico, nel 1920, ricorda scherzosamente al Conte di non bere più di 20 Negroni in un giorno.)

Scarselli è stato, in qualche modo, il modello di un barman di carriera tradizionale italiana. Ha trovato un posto che ha amato e vi è rimasto per molti anni. Non lasciò Casoni finché non fu acquistato, probabilmente nel 1932-33.
Dopo questo, il conte della Gherardesca si avvicinò a Scarselli per lavorare presso l’Ugolino Golf Club. Una discendenza del Florence Golf Club, sede di eventi nazionali e internazionali, e una mecca dell’alta società, il club ha aperto in via Chiantigiana nel 1933.

Scarselli lavorerebbe lì fino agli anni ’60, creando bevande tra cui la 19 Buca e la Mercedes, anche se nessuno di loro ha ottenuto la fama come ha resistito il Negroni.

L’anno prima della sua morte, a Impruneta, in Toscana, un’associazione italiana di baristi, l’Associazione Italiana Barmen e Sostenitori, ha consegnato a Scarselli una medaglia. Su di esso era scritto: “A Fosco Scarselli geniale preparatore del cocktail Negroni. A.I.B.E.S.”
Quindi, la prossima volta che ti godi un Negroni, o passi da uno all’altro, fai un pensiero per Scarselli, che è sparito, ma non dimenticato.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

This website uses cookies.