Categories: Storia dei cocktails

Fosco Scarselli

Fosco Scarselli è noto oggi come il creatore del cocktail Negroni. Eppure, durante la sua vita, aveva una reputazione come…

Marzo 7, 2018 10:34 pm

Fosco Scarselli è noto oggi come il creatore del cocktail Negroni. Eppure, durante la sua vita, aveva una reputazione come uno dei migliori barman-psicologi.
Secondo un articolo del 1962 in Rivista Gente, Scarselli era “la figura ideale del barista: confidente, psicologo … apprendista stregone nelle combinazioni di liquori che conciliano l’uomo che salva la vita”.

Oppure, come ha detto Scarselli: “Il lavoro del barman non è un lavoro, il barman deve cambiare a seconda del cliente che gli sta di fronte, deve saper e indovinare il sapore e l’umore che dovrebbe offrirgli … una sorta di panacea contro umori oscuri o inversioni di fortuna. ”

Nato in Toscana, il ruolo più famoso di Scarselli è stato dietro al bar del Caffè Casoni di Firenze, oggi Caffè Giacosa e di proprietà del designer Roberto Cavalli.

Una combinazione di drogheria, profumiere, caffetteria, il Caffè Casoni era popolare con un curioso mix di aristocrazia fiorentina e turisti americani e inglesi.

L’Americano – una miscela di vermouth, Campari e soda, una volta conosciuta come Milano-Torino – era una bevanda popolare all’epoca. Ma uno dei clienti abituali di Scarselli, il conte Camillo Negroni, che era tornato di recente dall’Inghilterra, ha chiesto un drink “più robusto” – con gin aggiuntivo, uno spirito che aveva imparato ad amare nel Regno Unito.

Negroni, non era un bevitore principiante. Poteva, secondo Scarselli, consumare fino a 40 cocktail in un giorno. (Una lettera di un amico, nel 1920, ricorda scherzosamente al Conte di non bere più di 20 Negroni in un giorno.)

Scarselli è stato, in qualche modo, il modello di un barman di carriera tradizionale italiana. Ha trovato un posto che ha amato e vi è rimasto per molti anni. Non lasciò Casoni finché non fu acquistato, probabilmente nel 1932-33.
Dopo questo, il conte della Gherardesca si avvicinò a Scarselli per lavorare presso l’Ugolino Golf Club. Una discendenza del Florence Golf Club, sede di eventi nazionali e internazionali, e una mecca dell’alta società, il club ha aperto in via Chiantigiana nel 1933.

Scarselli lavorerebbe lì fino agli anni ’60, creando bevande tra cui la 19 Buca e la Mercedes, anche se nessuno di loro ha ottenuto la fama come ha resistito il Negroni.

L’anno prima della sua morte, a Impruneta, in Toscana, un’associazione italiana di baristi, l’Associazione Italiana Barmen e Sostenitori, ha consegnato a Scarselli una medaglia. Su di esso era scritto: “A Fosco Scarselli geniale preparatore del cocktail Negroni. A.I.B.E.S.”
Quindi, la prossima volta che ti godi un Negroni, o passi da uno all’altro, fai un pensiero per Scarselli, che è sparito, ma non dimenticato.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente, cocktail designer e menù, promotore per aziende. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Intervista a Carola Abrate barlady a La Drogheria e Work travel

Ciao Carola, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi. Ciao Andrea! innanzitutto,…

By

Cosa sono i Tiki? Carriero Elis esperto internazionale risponde

I Tiki in questo momento sono cocktails sulla bocca di tutti i bartender professionisti,…

By

Intervista a Gianfranco Cacciola Four Seasons Londra Park Lane

Ciao Gianfranco, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi. La mia carriera…

By

Roberto Giannelli presidente onorario FIB

Roberto Giannelli presidente onorario FIB. Giannelli ”Commosso e onorato per me è un privilegio” Dopo…

By

Cocktail competitions con Bernardo Ferro organizzatore Skyway

Parleremo di cocktail competitions con Bernardo Ferro Consulente nazionale ABI professional, Organizzatore di molte…

By

Intervista a Diego Ferrari: Cocktail Art e low-ABV.

Diego Ferrari icona nel panorama nazionale e internazionale del bartending, ci racconta la sua…

By

This website uses cookies.