Categories: Storia dei cocktails

Harry Craddock

Il barman più famoso del Savoy, e il nome dietro al Savoy Cocktail Book, Harry Craddock, AKA "the dean of…

Marzo 21, 2018 11:41 pm

Il barman più famoso del Savoy, e il nome dietro al Savoy Cocktail Book, Harry Craddock, AKA “the dean of cocktail shakers”, è stato il terzo capo barman al Savoy, il primo capo barman del Dorchester, co-fondatore degli Stati Uniti Kingdom Bartenders ‘Guild era probabilmente il barman più celebre dell’era del proibizionismo.
Nato il 29 agosto 1875 a Stroud, in Inghilterra, sarebbe andato all’Atlantico, avrebbe lavorato presso l’Hoffman House e il Knickerbocker Hotel, per poi tornare a casa, dopo il Proibizionismo.

Il libro di Craddock è probabilmente il più importante libro di cocktail del 20 ° secolo.

L’uomo stesso, tuttavia, nonostante un talento per la pubblicità, rimane qualcosa di un enigmatico. Il Craddock ha affermato di aver mescolato l’ultimo cocktail legale prima del proibizionismo e di essere saltato in nave per l’Europa il giorno successivo. Era certamente a Londra nel 1920, dietro le quinte dell’American Bar del Savoy.
Quando Ada “Coley” Coleman ha appeso il suo shaker, è saltato nel ruolo di capo barman – una posizione che la stampa americana ha notato con interesse. Andava a fare bevande per i reali, politici e le star tra cui Ava Gardner, Errol Flynn, Charlie Chaplin e Vivien Leigh.

Il libro stesso è, in gran parte, un’opera di sintesi. Ma Craddock era egli stesso un prolifico creatore di cocktail. Una volta ha inventato tre nuovi drink per un giornalista in un giorno e ha affermato di aver creato 240 cocktail nella sua vita.

I suoi signature cocktail? Quasi certamente la White Lady, un cocktail che considerava suo. Nel 1927, ha sepolto un cocktail White Lady in uno shaker in un muro dell’American Bar – non è mai stato trovato.
Nel 1933, con l’abrogazione del proibizionismo all’orizzonte, Harry fu invitato a tornare negli Stati Uniti. Rifiutò, affermando di essere felice dove si trovava, sebbene nel 1939 avesse abbandonato il Savoy per il Dorchester, dove per lui era stato costruito un nuovo bar, il primo capo barman dell’hotel.
Anche qui Craddock ha seppellito una fiaschetta di White Lady nel muro, insieme a una fiaschetta di Manhattan e una di Martini. Queste capsule temporali liquide sono state trovate molti decenni dopo. Craddock si ritirò dal Dorchester nel 1947, all’età di 74 anni.

Harry Craddock in breve
– Nato nel 1875 a Stroud, nel Gloucestershire
– Nel 1897 arriva in America, e dal 1901 al 1911 lavora in una serie di bar a New York e Chicago
– Diventa cittadino statunitense nel settembre 1916 e viene redatto nel 1918 alla fine della prima guerra mondiale
– Nel 1920 perde il lavoro a causa del proibizionismo, e torna in Inghilterra, a Liverpool, Bristol e Londra, dove inizia in un bar del Savoy
– Entro il 1926 la direzione dell’hotel vuole un americano al timone nel american bar. Craddock aveva acquisito un accento americano e aveva rispettato il conto. Ada Coleman si ritira nel negozio di fiori dell’hotel. Il Savoy diventa noto come il 49° stato a causa del numero di americani che attrae
– Nel 1928, Harry aggiunge la millesima ricetta alla sua libreria di cocktail, ora in possesso di Peter Dorelli. Nel 1930 la direzione dell’hotel chiese a Harry di compilare un libro dei Savoy Cocktail. Harry non guadagnò mai un solo centesimo.
– Nel 1934 Harry co-fonda l’UKBG con William J Tarling.
– Sviluppa la sua ricetta per Martini, che Erik ha trovato nelle cantine della Savoy. L’etichetta contiene un’illustrazione di Harry e contiene un annuncio per le 1.000 ricette del Savoy Cocktail Book – Diventa famoso per le fiabe da cocktail e per i cocktail e shaker murati pareti
– Nel 1938, Harry si trasferisce all’hotel Dorchester, al servizio di Eisenhower (il Dorchester era il quartier generale militare americano durante la seconda guerra mondiale).
– Nel 1947 si ritira a Kensington e muore nel 1963, sepolto in una fossa comune.

Harry’s Cocktail Recipes
Alaska # 1 (Savoy Recipe)
Nel suo libro “The Savoy Cocktail Book” del 1930, scrive Harry Craddock, “per quanto è possibile accertare che questa deliziosa pozione NON è la dieta base degli Esquimaux, probabilmente è stata pensata per la prima volta in South Carolina – da qui il suo nome”.
Angel Face
Applejack Rabbit Cocktail
Il cocktail Atty
Bacardi Special
“The Savoy Cocktail Book” ha la seguente notazione per questo adattamento vintage del “Bacardi Cocktail” – “Reso famoso da Karl K. Kitchen, il noto editorialista di giornali di New York”.
Balm Cocktail
Bamboo #2
Barney Barnato Cocktail
Bentley
Bobby Burns #1 (Craddock’s Version)
Bombay No. 2
Calvados Cocktail
Cameron’s Kick
Caruso Martini
Casino #1
Chrysanthemum
Claridge Cocktail
Classic Cocktail
Club Cocktail #2
Coronation Cocktail No.1
Corpse Reviver No.2 #1 (Savoy Recipe)
Craddock dice di questa bevanda:

Dandy Cocktail
Diplomat
Diki-Diki
Elk Martini
Empire Cocktail
Every-Body’s Irish Cocktai
Fair & Warmer Cocktail
Fairbanks Cocktail No.1
Fifty-Fifty Dry Martini #8 Frank Sullivan Cocktail
Froth Blower Cocktail Froupe Cocktail
Glad Eye Cocktail
Gloom Chaser Cocktail #1 Gloom Chaser Cocktail #2 Green Dragon
The Holland House #2 (Craddock’s London dry based)
Honolulu Cocktail No.1
Houla Houla Cocktail
Honolulu Cocktail No.2
Hop Toad #3
King Cole Cocktail
King’s Jubilee
Leap Year Martini
Una nota in “The Savoy Cocktail Book” dice di questa bevanda, “Questo cocktail è stato creato da Harry Craddock, per la celebrazione del Leap Year al Savoy Hotel, Londra, il 29 febbraio 1928. Si dice che sia stato responsabile di più proposte rispetto a qualsiasi altro cocktail che sia mai stato mixato. ”
Leave It To Me Martini
London Cocktail
Lutkins Special Martini
Maiden’s Blush
Maiden’s Prayer
Marguerite Martini
Marmalade Cocktail
Harry ha scritto della sua bevanda, “Per il suo gusto amaro-dolce questo cocktail è particolarmente adatto per essere un aperitivo per il pranzo.”
Marny Cocktail
Martini Perfect
Mayfair Cocktail #1
Mint Cocktail
Oriental
Satan’s Whiskers (Curled)
Savoy Special #1
Vanderbilt
Webster Martini
White Cargo
Yellow Parrot
Zaza

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.