Categories: Storia dei cocktails

Harry MacElhone

Harry MacElhone Figlio di un proprietario di una fabbrica di juta, da Dundee, in Scozia, Harry lavorò per la prima…

Febbraio 21, 2018 10:20 am

Harry MacElhone

Figlio di un proprietario di una fabbrica di juta, da Dundee, in Scozia, Harry lavorò per la prima volta al numero 5 di Rue Daunou a Parigi (il sito che avrebbe poi acquisito e trasformato nell’Harry’s Bar) quando Milton Henry aprì il suo New York Bar nel 1911.

Poi si è diretto in America, lavorando all’Elton Hotel Bar di Waterbury, nel Connecticut, e al Plaza Bar di New York, prima di prestare servizio nell’aeronautica militare nella prima guerra mondiale.

Quando la guerra finì, Harry assunse un ruolo al Ciro’s Club, a Londra, dove divenne abbastanza famoso per pubblicare il suo primo libro, “Harry of Ciro’s ABC of Mixing Cocktails” nel 1921. (Il suo libro del 1927, “Barflies and Cocktails” “, è stato recentemente ristampato.)

I capi di Harry gli chiesero di lanciare un secondo Ciro’s, a Deauville, in Francia. Poi, l’8 febbraio 1923, prese i fondi per acquistare il bar di New York, dove aveva lavorato oltre un decennio prima, e cambiò il suo nome in Harry’s New York Bar.

Durante i ruggenti anni venti, Harry distribuì etichette per il bagaglio ai suoi ospiti con la scritta “Restituiscimi al Harry’s Bar, 5 Daunou”. I suoi concorsi internazionali durante i quali i concorrenti hanno dovuto buttare giù due litri di birra il più velocemente possibile, facevano regolarmente impazzire la stampa americana.

Una seconda sede a Le Touquet, Chez Harry, andò meno bene della sua avventura a Parigi, e Harry la vendette negli anni ’30. Tuttavia, come amico rispettato di altri barman di punta dei suoi tempi, fu Harry ad essere invitato dietro il bancone del Paris Ritz quando Frank Meier si diresse per un periodo al Ritz di New York.

Dopo che le truppe tedesche apparvero a Parigi nel 1940, Harry si rifugiò a Londra, dove lui e suo figlio Andrew lavorarono al Café De Paris. Harry era lì la notte, un colpo diretto di una bomba tedesca ha distrutto il posto e secondo la sua famiglia, ha continuato a lavorare al Ritz di Londra.

Il figlio di Harry, Andrew e il nipote Duncan, avrebbero seguito le sue orme – lavorando al suo bar, che è un’impresa incredibilmente longeva, ancora operativa con un secolo dopo la sua prima apertura.
Poche delle creazioni di Harry si trovano nei menu di oggi – anche se il Monkey Gland sta cominciando ad apparire di nuovo. Tuttavia, gli echi del suo ethos bartending possono essere trovati nei bar – e in particolare nei club in tutto il mondo attraverso le regole del suo International club Bar Flies. Se leggerai le regole della casa di un club dei soci, o parlerai, potresti benissimo sentire i toni scozzesi di Harry che sussurrano attraverso di loro.

Harry fondò il “club” nel dicembre 1924. Chiamò il suo bar “Trap No.1” e le sue donne “butterflies”. Un uomo basso e leggero, si è dato il nomignolo autoironico “Blue Bottle Fly”.
Le regole della casa includevano: “I membri che sbattono il mento sulla ringhiera sono sospesi per 10 giorni”; “Chi vede i gatti con le orecchie viola dovrebbe tenerlo per sé”; e la cosa più famosa, “battere le spalle dopo sei drink dovrebbe essere mitigato con misericordia”.
Forse comprensibilmente, tuttavia, la leale società di Harry di Dartsmen e Order of Formers Pipe Player è oggi meno conosciuta.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.