Categories: Storia dei cocktails

Perché si chiama Dirty Martini?

Perché si chiama martini sporco? Anche se potrebbe non sembrare allettante, un Dirty Martini è in realtà una variante saporita…

Giugno 27, 2018 11:26 pm

Perché si chiama martini sporco? Anche se potrebbe non sembrare allettante, un Dirty Martini è in realtà una variante saporita del cocktail tradizionale.

Quindi, perché è chiamato Dirty Martini?

Ci sono molte varianti del Martini tra cui il Cosmopolitan o Appletini in cui succhi di frutta o liquori sostituiscono il vermouth per un sapore diverso. Il Dirty Martini segue la stessa strategia usando il succo di olive verdi al posto del Vermouth o insieme ad esso. O gin o vodka martini possono essere Dirty, ed è importante aggiungere il succo di olive prima che il cocktail sia scosso o mescolato, e non dopo che è stato versato nel bicchiere. Le olive extra sono usate come guarnizioni per enfatizzare il sapore. Il cocktail risultante è molto più nuvoloso di un martini tradizionale.

I puristi di Martini potrebbero non apprezzare l’idea, ma se sei un fan delle olive verdi, potresti aver trovato la tua nuova bevanda preferita. In caso contrario, la miscela potrebbe non sembrare così attraente. La maggior parte dei barman ha familiarità con la tendenza, anche se puoi chiedere loro di andare leggeri o decisi con il succo d’oliva a seconda delle tue preferenze.

FDR e il Dirty Martini
Franklin Roosevelt è famoso per aver reso popolare questo cocktail. Presumibilmente, durante la seconda guerra mondiale, incontrò Joseph Stalin e Winston Churchill e servì loro il Dirty Martini.

Guarnizioni

Un Dirty Martini è guarnito in modo simile a un martini tradizionale, ma poiché l’attenzione è sulle olive, alcune ricette richiedono versioni gourmet come il formaggio blu, l’aglio o le olive ripiene di jalapeno.

Suggerimenti per fare un buon Martini sporco

Quando questo cocktail se fatto bene, può essere delizioso. Tuttavia, può essere salato e piuttosto disgustoso se fatto male. Ecco alcune strategie per farlo bene:

Usa gin invece della vodka. Il sapore sottile della vodka non è all’altezza del sapore forte del succo di olive, mentre i toni erboristici del gin forniscono un migliore equilibrio.
Determina se preferisci il tuo Dirty Martini “leggermente sporco” o “sporco”. Inizia con il succo di due olive poi eventualmente aumenta la quantità.
Evita il vermouth. Il vermouth può essere uno strano mix con l’oliva salata.

Agitare, non mescolare. Agitando il distillato con il succo di olive, assicurati che i due si amalgamino bene e che tu lo serva il più freddo possibile -5°.
Non lesinare sulle olive. Compra olive di qualità per ottenere olive gourmet e non usarle dopo che sono rimaste nel tuo frigo per troppo tempo.

Come spremere le olive? Il metodo più pratico è usare il lime squeeze mettendo le olive al posto del lime.

La prossima volta che esci in città o organizzi una festa, prova a servire un Dirty Martini. Se i tuoi amici si oppongono a questo suggerimento apparentemente osceno, ora puoi spiegare la risposta e perché si chiama un Dirty Martini.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Sherry Cobbler ricetta e storia

Gli anni del 1840 furono un boom per le mitologie americane. L'esperimento democratico del…

By

Lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i Bartenders

  Questa è la lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i…

By

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

This website uses cookies.