Categories: Cocktails I.B.A.

Ramos Gin Fizz

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011RAMOS FIZZ Longdrink 4,5 cl Gin1,5 cl Succo di lime1,5 cl succo di limone…

Maggio 24, 2012 11:00 pm

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011
RAMOS FIZZ Longdrink

4,5 cl Gin
1,5 cl Succo di lime
1,5 cl succo di limone fresco
3 cl Sciroppo di zucchero
6 cl Crema di latte
1 albume d’uovo
3 gocce di acqua di fiori d’arancio
2 gocce di estratto di vaniglia
Soda Water
Versare tutti gli ingredienti (tranne la soda) in un mixing glass, agitare a secco (senza ghiaccio) per due minuti, aggiungere il ghiaccio e shaker energicamente per un’altro minuto.
Versare in un bicchiere highball con ghiaccio, top di soda.

Si tratta di una bevanda con una lunga storia, risalente al 1888 e un gusto unico, coerenza che difficilmente si incontra in quasi ogni altra bevanda.
Il trucco al Ramos Gin Fizz sta nel creare una schiuma stabile, con l’albume (bianco d’uovo) e panna. Questo classico è stato creato da Henry C. Ramos nel 1888, nel suo bar a New Orleans, era originariamente chiamato “New Orleans Fizz”. Prima del proibizionismo questa bevanda era molto popolare. La bevanda era così popolare e richiesta che era difficile per i barman tenere il passo con gli ordini. Nel corso del tempo l’idea di una bevanda di qualità è stata sostituita da altri drink dalla preparazione più veloce e la Ramos Gin Fizz lentamente si spense. È ancora preparata nei bar e alberghi, ma pochi al di fuori di New Orleans. Speriamo che con la ricomparsa di questa bevanda cocktail I.B.A. faranno ritorno.

Quando si effettua questo cocktail si dovrebbe avere tutti gli ingredienti pronti

RAMOS FIZZ Longdrink
4,5 cl Gin (Plymouth)
1,5 cl Succo di lime
1,5 cl succo di limone fresco
3 cl Sciroppo di zucchero
6 cl Crema di latte
1 albume d’uovo
3 gocce di acqua di fiori d’arancio
2 gocce di estratto di vaniglia
Soda Water
Versare tutti gli ingredienti (tranne la soda) in un mixing glass, agitare a secco (senza ghiaccio) per due minuti, aggiungere il ghiaccio e shaker  energicamente per un’altro minuto.

La ricetta originale prevede l’uso di un bianco d’uovo crudo, ma in tempi moderni, sembra essere malvisto dalla maggior parte dei clienti dei bar, a causa della paura della salmonella. La verità è che contrarre la salmonella da un uovo crudo è molto, molto raro.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By