Categories: Merceologia

Sloe Gin

Lo Sloe Gin ha un bellissimo equilibrio dolce-amaro con un color rosso ricco. La domanda più frequente riguardo lo sloe…

Aprile 29, 2018 11:13 pm

Lo Sloe Gin ha un bellissimo equilibrio dolce-amaro con un color rosso ricco.

La domanda più frequente riguardo lo sloe gin è: “Sloe gin? Cos’è?” Lo sloe gin è molte cose –

Per capire lo sloe gin, dobbiamo prima rispondere alla domanda: “che cosa è esattamente un prugnolo”? Le prugnole sono piccole bacche, delle dimensioni di un centesimo, che crescono spontaneamente nelle siepi di tutta l’Inghilterra. Una delle ragioni per cui potresti non aver mai sentito parlare delle prugnole è che non sono ampiamente coltivate, perché hanno un sapore terribile. Le prugnole mature possono essere belle da guardare, ma il loro sapore è molto astringente e generalmente sgradevole.

Gli inglesi hanno fatto il gin per centinaia di anni infondendo le bacche di ginepro in alcool ad alta gradazione, insieme a un pò di zucchero. Il risultato è un liquore acido, ma con una deliziosa ricchezza e profondità di sapore.

lo sloe gin era tradizionalmente bevuto nel profondo inverno, come bevanda calda, affinché anche gli americani lo apprezzassero venne miscelato con agrumi e seltz. Così è nato lo Sloe Gin Fizz, probabilmente il più famoso cocktail fatto con sloe gin. Sloe gin ha avuto un pò di crisi negli anni ’60 e ’70, in un periodo piuttosto buio per i cocktail in generale. Sloe gin fatto secondo la formulazione originale è quasi scomparso, ed è stato sostituito da un nuovo tipo di ginepro fatto con spiriti neutri aromatizzati per imitare il gusto dell’originale.

Fino a poco tempo fa, quando la distilleria Plymouth decise di ricominciare a fare il gin originale, alla vecchia maniera: con bacche di prugnolo e gin.

Lo sloe gin ha una gradazione alcolica tra il 15 e il 30 percento in volume alcolico. Tuttavia, l’ Unione Europea ha stabilito un ABV minimo del 25% per la denominazione dello sloe gin in quanto tale. Il modo tradizionale di fare lo sloe gin è di immergere le prugnole nel gin . Lo zucchero è necessario per garantire che il succo di prugnolo sia estratto dal frutto.

Lo sloe gin è ottenuto da prugnole mature, che vengono tradizionalmente raccolte dopo il primo gelo dell’inverno (da fine ottobre a inizio novembre nell’emisfero settentrionale). Ogni prugnola è punteggiata, tradizionalmente con una spina presa dal cespuglio di prugnolo su cui crescono. Un racconto popolare alternativo dice che non si dovrebbero pungere le prugnole con una forchetta di metallo a meno che non sia fatto d’argento. Una variante moderna è quella di raccogliere le prugnole e congelarle.

Un vasetto a collo largo viene riempito a metà con prugnole e 110 g di zucchero per ogni 570 ml di prodotto ottenuto. Il vasetto viene quindi riempito con gin, sigillato, girato più volte per mescolare e conservato in un luogo fresco e buio. Si gira ogni giorno per le prime due settimane, poi ogni settimana, fino a quando sono trascorsi almeno tre mesi.

Il gin avrà ora un colore rosso rubino profondo. Il liquore viene versato e le prugnole scartate o infuse nel vino bianco o nel sidro, trasformate in marmellata o utilizzate come base per un chutney o un ripieno di cioccolatini al liquore. Il liquore può essere filtrato, ma è meglio decantarlo in contenitori puliti e lasciarlo riposare per un’altra settimana. Un’attenta decantazione può quindi garantire che quasi tutti i sedimenti siano eliminati, lasciando un liquore rosso, completamente limpido.

Le ricette per lo sloe gin variano a seconda del gusto del produttore. La dolcezza può essere regolata a piacere alla fine del processo, anche se è richiesta una quantità di zucchero sufficiente mentre le drupe scendono per garantire la completa estrazione del sapore. Quando è fatto abbastanza lentamente, l’alcol estrae un’essenza simile alle mandorle dai noccioli delle prugnole, conferendo un particolare sapore aromatico alla prugnola. Tuttavia, alcune ricette usano un tempo di macerazione più breve e includono una piccola quantità di essenza di mandorle. Un’altra variante comune è l’aggiunta di alcuni chiodi di garofano e un bastoncino di cannella.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.