Categories: Prodotti

Dubonnet

È passato molto tempo da quando l'atto di miscelare una bevanda era considerata un atto medico, ma nel 19°secolo, è…

Giugno 4, 2013 8:07 pm
È passato molto tempo da quando l’atto di miscelare una bevanda era considerata un atto medico, ma nel 19°secolo, è stata una storia molto diversa. Nel 1830, la malaria affliggeva soldati francesi e coloniali nel Nord Africa. Il Chinino, estratto dalla corteccia dell’albero di china, è un trattamento efficace, ma la sostanza era così eccezionalmente amara che era difficile da assumere per chiunque. Le autorità francesi offrirono una ricompense a chiunque potesse creare ricette a base di vino, che riuscirono a rendere il chinino più appetibile.

Uno dei primi prodotti di successo, è stato sviluppato dal chimico parigino Joseph Dubonnet. Introdotto nel 1846, il Dubonnet aveva un sapore amaro da chinino, aromatizzato con cannella, chicchi di caffè verde, buccia d’arancia e camomilla, fortificato con acquavite d’uva neutra. Abbracciato dai coloni, Dubonnet divenne presto popolare in tutta la Francia.

Allo stesso modo iconico è stato un altro francese, Kina Lillet. Prima prodotta nel 1887, Lillet era in origine un aperitivo amaro sulla base di vini di Bordeaux e aromatizzato con liquori alla frutta. Nel 1986, tuttavia, il livello di chinino era ridotto conferendo al prodotto un gusto meno amaro, anche se ancora coinvolgente, sapore di agrumi, il prodotto è stato reintrodotto come Lillet Blanc (una versione rossa, Lillet Rouge, è stata introdotta nel 1960).

La società è stata acquistata da Pernod Ricard nel 1976. A quel punto, la bevanda era caduta in disgrazia con vendite insufficienti. Ricard ha iniziato una campagna pubblicitaria aggressiva, che ha aiutato la bevanda a riconquistare la sua popolarità.

L’aperitivo ha un colore rosso rubino intenso e un profumo che odora di una combinazione di ciliegia, cannella e limone. Si mescola bene con altri sapori di agrumi limone e bitter. Il cocktail Opera di solito comprende un mix di Dubonnet con gin e ciliegia al maraschino. Per un Merry Widow, il Dubonnet è mescolato con bitter, vodka e vermouth.
Per la maggior parte della loro storia, come Dubonnet e Lillet, così come marchi come St. Raphael e Byrrh, che si trovano principalmente in Europa, sono stati consumati come aperitivi, sia per conto proprio o leggermente modificati con una fetta di arancia o di un pò di soda, tuttavia, non sono del tutto sfuggire all’attenzione dei barman. “Non ci sono ricette, soprattutto dal 1890, attraverso il proibizionismo, in cui appaiono abbastanza sporadicamente,” giocato un ruolo simile a quello svolto dai vermouth Martini-nelle bevande come Manhattan e simili, come ad esempio Opera Cocktail e il Deshler, ma i vini appaiono anche nelle bevande più caratteristiche, come il gin-based Twentieth Century e la Corpse Reviver No. 2. il Lillet ha anche goduto in gran misura di fama legata come ingrediente nel Vesper Martini.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.