Categories: Prodotti

Malibu

Malibu Rum è un rum aromatizzato a base di estratto di noce di cocco naturale, possiede un contenuto di alcool…

Giugno 4, 2013 12:59 pm
Malibu Rum è un rum aromatizzato a base di estratto di noce di cocco naturale, possiede un contenuto di alcool 21,0%vol. Il marchio è di proprietà di Pernod Ricard. Il prodotto è stato originariamente realizzato da acquaviti di frutta, aromatizzato con rum e cocco a Curaçao.

In origine, il prodotto è stato utilizzato per semplificare la realizzazione della Piña Colada per i barman. Quando il prodotto è decollato, la produzione è stata poi trasferita nelle Barbados, dove il rum è prodotto da West Indies Rum Distillery Ltd. La qualità degli ingredienti utilizzati è stata migliorata. Il marchio è stato venduto da Diageo per Allied Domecq, nel 2002 e poi a Pernod Ricard.

Attualmente nel mercato statunitense ci sono 5 variazioni sul sapore originale, che sono mango, frutto della passione, ananas, banana tropicale e recentemente Island melon e 3 nuove aggiunte nel 2012, che sono Malibu Red (infuso con Tequila), Malibu Nero (35% Vol & Black) e Malibu Sunshine (Infuso con limone e aromi).

Malibu e le sue varianti può essere bevuto liscio, con ghiaccio, con il latte, o più comunemente, con un mixer a base di frutta o bibite gassate come la Coca Cola.

Malibu soffre di due problemi che sono così interconnessi. Il primo è che è visto come uno Spirito laurea da cui i giovani imparano a bere per poi abbandonarLo per prodotti superiori.
In secondo luogo la sua fascia di età è molto piccola che si estende nel mercato degli studenti, quindi è una di quelle bevande che è legata a ricordi di altissima energia. Che non sono sempre positivi. Se Malibu vuole ampliare la propria base di consumatori dovrebbe modificare le regole del gioco. Ciò significa che è necessaria una variante a 40%vol, con una etichetta senza nessun wrapping intorno alla lunghezza della bottiglia. La variante deve essere rum, con una infusione di cocco molto più solft.
Molti di questi problemi potrebbero essere risolti dalle abilità dei barman ma non sempre troviamo professionisti all’altezza di bilanciare in maniera sapiente i vari prodotti. Dobbiamo inoltre ricordare che il gusto nella maggior parte delle persone parte in giovane età dai gusti dolci per poi arrivare a una maturità alcolica del gusto secco.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.