Storia degli ombrellini da cocktail

Storia degli ombrellini da cocktail

Ci vuole un cuore di pietra per non essere divertito da quel piccolo ombrello semi-funzionale appollaiato sul lato del tuo Mai Tai. Ma la sua esistenza non è così facile da spiegare come le guarnizioni naturali come fette di agrumi o rametti di menta. Qualcuno doveva consapevolmente scegliere di aggiungere un micro-ombrello alla propria bevanda, e qualcun altro doveva produrlo. Chi era quella persona e chi era quel produttore?

La storia dell’origine dell’ombrello da cocktail

Il mio primo passo sulla strada per una risposta proviene da Jeff “Beachbum” Berry, autore di una mezza dozzina di libri sui cocktail tiki. Berry ha raccontato un’intervista tra il giornalista Rick Carroll e Harry Yee, ex capo barman presso l’Hawaiian Village Hotel, in cui Yee sosteneva di aver creato un cocktail chiamato Tapa Punch nel 1959 con una decorazione a forma di ombrello.

“Ha affermato che è stata la prima bevanda in assoluto a sfoggiare un parasole di carta, dando origine al termine ‘drink ombrello'”, afferma Berry. Aggiunge che “gli ombrelli” in realtà precedono la bevanda di Yee, ma non sono sicuro del loro intento pre-guarnitivo.

Erano usati come alternative alle guarnizioni alimentari? Erano apparentemente vitali nel prevenire lo scioglimento prematuro del ghiaccio sotto un sole estivo?

Ovviamente, questo mito originario del parasole ha poco senso, dato che gli ombrelli da cocktail sono nati nei bicchieri da tiki i quali non essendo trasparenti non lasciano comunque penetrare i raggi del sole. Quindi questo lascia la domanda: da dove nascono gli ombrelli da cocktail? E perché?

Brother Cleve, un barman di Boston e storico dei tiki, riconosce la mano di Yee nel collocare il primo ombrello e descrive l’ormai scomparsa dell’importatore di New York Orchids of Hawaii come il “motore del marketing” dietro l’ascesa dell’ombrello da cocktail.

Secondo Cleve, le Orchidee delle Hawaii iniziarono nel 1952, ma passarono alle attrezzature per i tiki negli anni ’60, fornendo non solo ombrelli di carta ma anche tazze tiki e leis di plastica. Nel decennio successivo, le orchidee delle Hawaii divennero onnipresenti nel mercato e crebbero per fornire anche cannucce di paglia, frullatori e altro ancora.

“Le orchidee sono state in grado di ottenere un grande successo con questi prodotti in tutti i ristoranti cinesi negli Stati Uniti negli anni ’60 e ’70, che vedo come l’inizio dell’era “di cattivo gusto dei tiki”, afferma Cleve.

Ma quell’era “di cattivo gusto” si è rivelata anche il crepuscolo dei tiki. Berry, che cita anche la fine degli anni ’70 come la fine della “Golden Age” dei tiki, non pensa che sia un mistero sul perché gli ombrelli sopravvissero al genere che li ha introdotti.

“Sono divertenti, sono carini e sono economici per i proprietari di bar”, dice Berry. Ma la continua longevità degli ombrelli da cocktail non ha fatto molto per la loro reputazione. Con i tiki a posteriori, le decorazioni si facevano strada in bevande poco reputabili, tanto da dare al genere bastardato post-tiki.

“Qualsiasi versione dolce, sciropposa e pessima di una bevanda tropicale veniva definita “drink ombrello”, afferma Berry.

Fortunatamente per i nostri amici adolescenti, sono rimasti in attesa abbastanza a lungo da vedere l’attuale rinascita dei tiki e recuperare gran parte della loro gloria passata. Berry crede che l’ombrellino possa essere ancora una volta percepito positivamente.

“È sicuramente un punto di partenza. Li vedi anche nei cocktail bar artigianali più sofisticati. Alcuni li usano ironicamente, con un occhiolino e un cenno del capo, ma la maggior parte li sta usando perché i clienti li apprezzano davvero. “

Alla domanda se i futuri bevitori continueranno a vedere gli ombrelli da cocktail nei loro bicchieri, Berry dice sì a un punto molto specifico. “Almeno fino al 2024, perché è il momento in cui scade il contratto al mio bar, la Latitude 29 di Beachbum Berry a New Orleans. Li vedrai sempre lì. “

Author Details

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts – Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Share
Published by
Andrea Marangio
Tags decorazioni guarnizioni tiki

Recent Posts

  • Interviste

Intervista ad Alessandro Antonelli – dell’A.Roma Lifestyle Hotel di Roma e del suo Skystars bar.

Ciao Alessandro, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come ti sei avvicinato al mondo dei…

Maggio 21, 2019 11:47 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: B’Art

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 20, 2019 11:24 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Caffè Grimaldi

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership conTuscan Spirits. Noi di…

Maggio 20, 2019 11:13 pm
  • Interviste

Intervista a Gabriele Rondani di Rinaldi1957

Intervista in esclusiva a Gabriele Rondani di Rinaldi1957 per BarmanItalia 1 - Ciao Gabriele, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Maggio 19, 2019 11:02 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Bar Avio

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 19, 2019 12:19 am
  • Miscelazione

Il bicchiere highball

Gli highball sono una categoria di cocktail semplice, comunemente con solo due ingredienti: uno spirito e un sodato, serviti in…

Maggio 18, 2019 8:31 am

This website uses cookies.