Categories: Cocktails I.B.A.

WHISKEY SOUR

Aprile 23, 2014 9:00 am

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011
WHISKEY SOUR 
Pre Dinner

4,5 cl Bourbon Whiskey
3,0 cl Succo di limone fresco
1,5 cl Sciroppo di zucchero
Dash bianco d’uovo (opzionale).
Versare tutti gli ingredienti nello shaker con ghiaccio.
Shake. Filtrate in coppetta cocktail ben fredda.
Se servito ‘On the rocks’, Guarnire con mezza fetta d’arancia e ciliegina.

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2004
WHISKEY SOUR After dinner (old fashioned o coppetta)
Ingredienti e quantità:
4.5 cl Bourbon whiskey
3.0 cl Succo di limone
1.5 cl Sciroppo di zucchero
1 Dash albumina
Versare tutti gli ingredienti nello shaker con ghiaccio, filtrare nel bicchiere ben freddo.
Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 1987
Sours (Whiskey)
Shaker:
Un barspoon di zucchero
o un barspoon di sciroppo di zucchero
3/10 Succo di limone
7/10 Bourbon or Canadian Whiskey
Shake
Coppetta cocktail
Guarnizione: una ciliegina

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 1961

L’Inglese Elliott Stubb nell’anno 1872 sbarcato nel porto di Iquique cittadina in passato appartenne allo stato Peruviano, apri un bar e sperimentando diversi aperitivi arrivò a miscelare il “limon de pica” col Whisky aggiungendo dello zucchero creando una giunzione tra lo stile anglosassone e il frutto Sudamericano divenendo un apprezzato cocktail il cui richiamo arriva sino ai nostri giorni.
Parliamo appunto del “Whisky Sour” dove nell’attualità il Bourbon unendosi al succo di limone ad un cucchiaino di zucchero ed al sapiente utilizzo dell’albume d’uovo (segreto per ottenere una ricca schiuma sulla superficie del drink) viene a creare un vero cult tra i cocktail nonché un pregiato after-dinner.
L’affascinante storia dei cocktails in un suo prezioso prodotto il “Whisky Sour”. 

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com