Categories: Il servizio al bar

Apericena a buffet? Addio

Uno dei tanti piccoli cambiamenti che ci attendono, cambiando totalmente il nostro stile di vita è l'eliminazione del servizio a…

Aprile 4, 2020 1:08 pm

Uno dei tanti piccoli cambiamenti che ci attendono, cambiando totalmente il nostro stile di vita è l’eliminazione del servizio a buffet, questo in tutte strutture dell’accoglienza e in tutto il mondo.

La questione non sarà rivolta soltanto per il servizio dell’apericena ma anche per le colazioni in hotel e banchetti… Per quanto riguarda i bar fino ad oggi nella maggior parte casi non sono mai stati in regola dal punto di vista haccp, ma diciamo che questo tipo di servizio è diventato consuetudine e quindi accettato dalla gran parte degli organi di controllo.

Oggi oggettivamente è impensabile proseguire su questa strada, a vista delle severe restrizioni che ci attendono, il buffet potrebbe diventare come l’acqua santa nelle chiese dove tutti ci mettono le mani e sappiamo bene i motivi per cui questo non può più proseguire.

Soluzioni?

Ammesso che siano necessarie delle soluzioni e che questo sia effettivamente un problema, possiamo ipotizzare delle soluzioni.

1) Smettere di fare l’apericena.
Potrebbe essere un’occasione per eliminare qualcosa che a detta di tanti è sfuggita di mano. Il concetto di aperitivo con qualche stuzzichino (olive e noccioline) atte per poter assorbile meglio le bevande più o meno alcoliche, è stato stravolto (con la nostra complicità) in una vera cena.
Forse è arrivato il momento di fare un passo indietro, in questo modo i bar torneranno a preparare ottimi aperitivi con piccoli stuzzichini e i ristoranti a offrire le loro proposte per la cena.

2) Plateau e piatti serviti:
Dato per scontata l’impossibilità del buffet, una soluzione alternativa potrebbe essere quella di servire dei piatti già confezionati in cucina e serviti al tavolo.

3) Monoporzioni:
Un punto d’incontro potrebbe essere quello di offrire delle monoporzioni sigillate, specialmente per gli ospiti al banco. Ovviamente se non vogliamo offrire soltanto patatine e noccioline le industrie dovranno aiutarci con delle idee adeguate da offrire insieme al drink.

Queste sono alcune soluzioni ce ne possono essere altre ma comunque sia la cosa importante, è impostare le nuove regole in maniera bilanciata e attenta senza voler fare un lavoro che non ci compete e non porta guadagno. Vincerà questa sfida chi si affiderà alla ricercatezza ed eleganza…come sempre.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.