Categories: La professione

Progettazione del menù cocktail, la tua prima volta

Quindi ti è stato chiesto di creare il tuo primo menu di cocktail. Congratulazioni! Migliaia di barman trascorrono anni cercando…

Aprile 22, 2019 11:40 pm

Quindi ti è stato chiesto di creare il tuo primo menu di cocktail. Congratulazioni! Migliaia di barman trascorrono anni cercando di ottenere questo privilegio, quindi è sicuramente qualcosa da festeggiare. Detto questo, può anche essere un progetto stimolante, quindi non è sicuramente qualcosa da prendere alla leggera.
Ecco alcuni suggerimenti per il tuo primo menu di cocktail per aiutarti a evitare di essere sopraffatto e, si spera, rendere il tuo primo menu un successo!

Ora ai suggerimenti!

Non esagerare
Non pensare di dover apportare cambiamenti radicali fin dal primo istante. Soprattutto se sei nuovo al bar, prenditi del tempo per conoscere i barman, i clienti, i processi che sono in atto e l’ambiente in cui lavori.
Abbiamo visto molti nuovi manager / bartender / consulenti entrare in un nuovo posto e iniziare a cambiare tutto senza capire veramente cosa sta già funzionando. L’intero bar viene capovolto e poi il barman / consulente capo lascia il posto in condizioni peggiori di prima.
Tieni presente ciò che funziona già e non buttare via tutto. Costruiscilo!

Non concentrare tutti i drink in un solo bicchiere
Non mettere tutto in una coupé o nella flûte, cerca di allargare la varietà dei bicchieri il più possibile. Ciò non solo aiuta a mantenere le cose più visivamente interessanti, ma aiuta a ridurre il rischio di esaurimento. L’ultima cosa che vuoi fare è rimanere senza bicchieri durante le ore di punta perché tutto è servito in una coupé!

Homemade non è sempre migliore
C’è sicuramente un tempo e un posto per creare i tuoi ingredienti, ma se riesci a trovare un buon prodotto sul mercato che puoi usare, provalo prima.
È molto allettante creare tutti i tuoi ingredienti, ma è un ottimo modo per farti passare tutto il tempo facendo esattamente questo: preparare gli ingredienti per il tuo menù. Non dimenticare di includere il tempo-costo di tutte le ore di lavoro che creano ingredienti. Puoi risparmiare sul prodotto, ma pagare il doppio una volta che conti il ​​tuo tempo.

Pensa ai margini
Amiamo la Chartreuse verde. Questo non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno. Se inizi lo sviluppo del tuo menu senza alcun riguardo per i costi, ti stai preparando per una delusione futura quando vai a fare i conti. (O peggio: quando il tuo manager / proprietario)
Considerare il costo del prodotto fin dall’inizio e ti risparmierai il mal di cuore.

Standardizza
Sembra stupido e ovvio, ma non crederesti a quanti bar e ristoranti non abbiano questa semplice procedura. La differenza tra 4,5 cl e 6 cl può sembrare banale, ma ciò può davvero influire sulla redditività e sul bonus (se è legato al costo delle merci). Lo stesso vale per le ricette di cocktail: assicuratevi che tutti sappiano cosa e quanto dovrebbero versare!

I sistemi sono tuoi amici
Se ti ritrovi a ripetere lo stesso processo più e più volte, qualunque sia il processo, è il momento di pensare di creare un sistema per questo. Inventario, ordinazione, produzione di ingredienti, ecc. Sono tutti ottimi candidati per iniziare a documentare come si fanno le cose in modo tale che ogni volta sia ripetibile.
Il vantaggio di farlo è che una volta che si documenta il processo, è possibile addestrare altre persone su come eseguire tali compiti e iniziare a offrire loro l’opportunità di far progredire la propria carriera (e la propria)!

Congratulazioni ancora – la creazione del menu cocktail è una delle parti più entusiasmanti del lavoro! Speriamo che questi suggerimenti ti aiutino a girare la testa intorno al progetto e creare qualcosa che sia al tempo stesso delizioso e ottimo per il bilancio del tuo bar!

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.