Categories: Preparati e basi

Come fare la granatina

La granatina è un modificatore per cocktail che ha guadagnato popolarità nel tardo 19° secolo. Prendendo il nome dal melograno,…

Dicembre 16, 2018 11:14 pm
Come fare la granatina

La granatina è un modificatore per cocktail che ha guadagnato popolarità nel tardo 19° secolo. Prendendo il nome dal melograno, il frutto da cui è prodotto, la granatina aggiunge una dolcezza/asprezza alle bevande e il caratteristico colore rosso.

La granatina è essenzialmente sciroppo di melograno e se sai come fare lo sciroppo semplice, preparare la granatina è altrettanto facile.

Le tecniche variano dal metodo a freddo che consiste nell’usare parti uguali di succo di melograno e zucchero semolato, al metodo a caldo dove la miscela viene riscaldata o bollita, poi arricchita con acqua di fiori d’arancio.

Questi ultimi ingredienti che puoi acquistare nelle erboristerie, conferiscono una profondità di sapore e vale la pena utilizzarli. Qualunque sia il metodo che scegli, puoi aggiungere un pò di vodka o spirito di grano neutro come conservante.

Puoi usare il succo di melograno acquistato al supermercato (come il succo di melograno 100%) o i melograni freschi che puoi semplicemente spremere in uno spremiagrumi o in una pressa. I melograni freschi non producono molto succo, quindi l’opzione di acquisto del negozio potrebbe essere preferibile, ma se si punta alla qualità sapete bene l’opzione che dovete scegliere.

Ecco come fare la granatina usando il metodo a caldo.

Ingredienti e quantità:

500 ml di succo di melograno fresco
500 gr zucchero semolato
1 cucchiaino di acqua di fiori d’arancio
30 ml di vodka o spirito di grano neutro (opzionale)

Metodo
1. Se fai il tuo succo di melograno, taglia i melograni a metà e usa uno spremiagrumi, spremilo e poi filtra con un colino.
2. Riscalda il succo di melograno a fuoco basso. Aggiungere lo zucchero e mescolare fino a quando si scioglie. Non far bollire il liquido. Aggiungere l’acqua di fiori d’arancio.
3. Lasciare raffreddare quindi aggiungere lo spirito di cereali neutro (opzionale) e riporre in bottiglie di vetro nel frigorifero.

La granatina così prodotta si mantiene per circa un mese. Usalo in cocktail come lo Scofflaw, Jack Rose, Monkey Gland e se hai voglia di tornare indietro nel tempo nel Tequila Sunrise.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.