Categories: Preparati e basi

Shrub

Lo shrub è uno sciroppo concentrato che unisce frutta, zucchero e aceto. Il risultato è un mixer dolce e acido…

Novembre 16, 2018 11:30 pm
Shrub

Lo shrub è uno sciroppo concentrato che unisce frutta, zucchero e aceto. Il risultato è un mixer dolce e acido che può essere gustato da solo o utilizzato in una varietà di cocktails. Abbastanza spesso vengono usate anche erbe e spezie per creare interessanti combinazioni di sapori.

Si possono anche vedere shrubs denominati “aceti bevibili”. L’aceto di sidro di mele è la base per gli shrubs più comuni, sono un ottimo modo per bere questo aceto per i suoi benefici per la salute.

Bere shrub
Gli shrubs possono essere serviti combinati con sodati. Sono spesso abbinati con acqua fredda o soda club, ginger ale o qualsiasi altra soda. Combina 1 oncia di shrub con 5 a 6 once di acqua o soda sul ghiaccio per una bevanda facile da bere.

Negli ultimi anni, gli shrubs sono diventati un ingrediente popolare per i cocktails, dato che più barman stanno sviluppando nuove ricette piuttosto creative. Poiché sono acidi, gli shrubs sono difficili da mescolare con succhi di frutta, quindi potresti voler evitare agrumi e frutti simili.

Cocktail shrub
Gli shrubs sono un modo eccellente per aggiungere un nuovo tocco ai cocktail e sono piuttosto versatili. Ad esempio, un shrub di finocchio può essere abbinato a un bicchierino di bourbon e una spruzzata di ginger beer. Allo stesso modo, un shrub di fichi o mirtillo è eccellente con il rum invecchiato, porto rubino e ginger beer o ginger ale. Anche gli shrub di mela sono molto popolari, mescolato con tequila, mezcal, whisky o vodka.

Il modo migliore per avere un’esperienza con gli shrub è sperimentare. Sono affascinanti e una volta che lo hai assaggio offrono una grande ispirazione.

Daiquir-ease: utilizza un shrub di mirtillo fatto in casa con aceto di sidro di mele e nettare di agave.

Crea i tuoi shrub
Creare i propri shrub è molto semplice e le possibilità di gusto sono infinite. Il processo è simile a fare sciroppo semplice o infusioni homemade e ci sono due metodi, uno a freddo e un altro a caldo.

Il primo passo è scegliere almeno un ingrediente da ciascuna delle seguenti categorie per creare il tuo shrub personalizzato:

Zucchero: come con lo sciroppo semplice, puoi sperimentare il tipo di zucchero che usi. Si potrebbe lavorare meglio con una particolare combinazione di frutta e aceto rispetto ad altri. Lo zucchero bianco granulato è perfettamente adatto per l’uso, anche se alcuni shrubs preferiscono gli zuccheri crudi come il turbinado o la demerara, o anche lo zucchero di canna.

Aceto: la maggior parte delle volte, vedrai shrubs fatti con aceto di vino rosso o aceto di sidro di mele. Alcuni useranno l’aceto balsamico.

Frutta: le bacche sono un frutto shrub preferito, anche se quasi tutti i frutti possono essere utilizzati. Mele, fichi, pere, prugne e persino cetrioli o rabarbaro sono buone opzioni.

Aromi Extra: erbe e spezie aggiungeranno dimensione ai tuoi shrubs e sono un ingrediente facoltativo. Granelli di pepe, basilico, rosmarino, timo e finocchio sono solo alcune delle opzioni che sono apparse negli shrubs.

In genere, vengono utilizzate 2 tazze di frutta con 2 tazze di aceto e zucchero. Erbe e spezie possono essere aggiunti a piacere, anche se 1 cucchiaio da tavola è un buon punto di partenza per la maggior parte degli ingredienti. Ciò produrrà una buona quantità di shrub per la sperimentazione e un bel pò di bevande. La maggior parte delle volte, utilizzerai solo una o due once di shrub per ogni bevanda.

Quando decidi quali erbe e spezie abbinare a un frutto particolare, pensa agli abbinamenti di sapore già collaudati. Per esempio, fragola e basilico funzionano alla grande insieme. Anche la mela con lo zenzero o il rosmarino è molto buona.

Metodo a caldo
Il metodo a caldo è il modo più popolare per creare un shrub ed è molto semplice. Alcune persone preferiscono iniziare facendo un semplice sciroppo di acqua e zucchero. Aggiungeranno poi l’aceto dopo il raffreddamento e poco prima dell’imbottigliamento.

Riscaldare parti uguali di zucchero e aceto, mescolando continuamente fino a quando lo zucchero non si scioglie. (Regola il rapporto a piacere.)
Aggiungere la frutta e le erbe o le spezie e cuocere a fuoco lento per rilasciare i succhi e i sapori nello sciroppo.
Raffreddare la miscela.
Filtrare i solidi.
Bottiglia o un barattolo di vetro pulito e lasciar riposare in frigorifero per due o quattro giorni.

Metodo a freddo
Utilizzare una parte di frutto e una di aceto, aggiungerli a un barattolo con un coperchio.
Agitare vigorosamente per circa 20 secondi e quindi lasciarlo infondere a temperatura ambiente per circa una settimana. Agitare ogni giorno.
Filtrare i solidi attraverso un doppio strato di garza e versare in un barattolo di vetro pulito con un coperchio.

Se preferisci esistono aceti di frutta, fiori ed erbe già confezionati di altissimo livello, ai quali per esempio puoi aggiungere un del prosecco o champagne proprio come faresti con un Kir Royal

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By