Categories: Prodotti

Crodino

Il Crodino nasce nel 1964 e prende il nome da Crodo, comune del Verbano Cusio-Ossola, nell'alto Piemonte, dove storicamente veniva…

Settembre 29, 2013 3:53 pm
Il Crodino nasce nel 1964 e prende il nome da Crodo, comune del Verbano Cusio-Ossola, nell’alto Piemonte, dove storicamente veniva imbottigliato. Lo stabilimento di produzione si trova nella valle Antigorio, a 16 Km da Domodossola.

Crodino diventa pare del Gruppo Campari dal 1995, e continua ad essere prodotto con l’acqua della sorgente Liesel, una delle tre presenti nella valle. L’unione armonica di ingredienti ricercati e l’acqua di Crodo contribuiscono a fare del prodotto un analcolico di qualità.
Crodino è un aperitivo che va servito freddo, con una fettina d’arancia..
Gli ingredienti del Crodino provengono da ogni parte del mondo, le loro caratteristiche uniche sono unite sapientemente e miscelate secondo una ricetta segreta. L’estratto viene lasciato riposare per 6 mesi in botti di rovere, per permettere l’armonizzazione di tutti i componenti con la purissima acqua della fonte Liesel. Ecco come il Crodino Acquisisce il suo inconfondibile gusto dolceamaro, unico e inimitabile.
La varietà e la ricchezza degli ingredienti utilizzati per la produzione del crodino, rendono il bouquet dell’analcolico biondo completo, pieno ed equilibrato. Alcuni degli aromi che caratterizzano la ricetta segreta di Crodino sono chiodi di Garogano, Olio essenziale di Noce Moscata, Olio essenziale di Coriandolo, semi di Cardamomo. Questi profumi che rendono Crodino un vera eccellenza, che esprime tutte le sue qualità attraverso le tre tipologie olfattive: note di testa, note di cuore, note di fondo.
Le note di testa sono quelle percepite al primo sorso: sono fresche leggere e lievemente agrumate. Le note di cuore caratterizzano invece il corpo: gusto predominante con più persistenza nella bevuta. Il corpo di Crodino si rivela molto intenso grazie alle preziosissime erbe e spezie, perfettamente armonizzate, che rilasciano i propri aromi lentamente e si stabilizzano in un gusto aranciato e frizzante. Le note di fondo, tendenti all’amaro, contrastano il dolce iniziale della bevanda. Esse sono ottenute attraverso la sapiente miscela di ingredienti che conferisce il retrogusto dole-amaro tipico del Crodino.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.