Categories: Foto Miscelazione

Guarnizione cocktails: Frutta essicata

Come abbiamo già detto il barman svolge il ruolo di amministratore in quanto amministra un capitale (liquori, succhi, caffè ecc)…

Gennaio 14, 2018 5:19 pm

Come abbiamo già detto il barman svolge il ruolo di amministratore in quanto amministra un capitale (liquori, succhi, caffè ecc) l’obiettivo è quello di creare il minor spreco possibile dando comunque il miglior prodotto possibile al cliente.

Uno degli sprechi più comuni nei bar è la frutta. Come possiamo cancellare o comunque limitare questi sprechi offrendo contemporaneamente un prodotto di qualità? Una risposta ci può arrivare da una pratica antica come l’essiccazione.

Esistono essiccativi professionali, semi professionali da pochi euro, ma possiamo anche utilizzare il forno, “Disidratare è davvero facile” basta avere una temperatura costante a intorno ai 60/70 gradi

Vedi alcuni frutti facili da essiccare con alcune idee.

Frutti di bosco

I frutti di bosco sono tra i primi a prendere le muffe e di conseguenza i primi a essere gettati, se avete provato ad essiccarli vi sarete resi conto che con il processo di essiccazione perdono tutta la loro bellezza, però se una volta essiccati li frulliamo anche in maniera grossolana otterremo una specie di terra con la quale poter decorare i nostri cocktails, come ad esempio una crustas stile Margarita. Questo metodo di può applicare a tutta la frutta e verdura

Ananas

Privato della buccia e tagliato finemente con l’affettatrice è perfetto (spessore consigliato 1 millimetro)

Agrumi

Come l’ananas sono facilissimi da essiccare e conservare anche per un mese. Normalmente le fette di limone, lime e arance dopo il primo giorno sono da buttare ma essiccate le possiamo recuperare offrendo comunque un prodotto di qualità. Ansi potremo perfino offrirle come chips salate.

Non dimenticate che tutto si può essiccare e se ben conservato in barattoli di vetro sigillati possono arrivare fino a un mese.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By