Categories: Miscelazione

Cointreau e Grand Marnier

Iniziamo con quello che i due liquori all'arancia hanno in comune: Cointreau e Grand Marnier sono entrambi liquori all'arancia. Nel…

Luglio 25, 2018 11:46 pm
Cointreau e Grand Marnier

Iniziamo con quello che i due liquori all’arancia hanno in comune:

Cointreau e Grand Marnier sono entrambi liquori all’arancia. Nel modo più semplice, significa che sono alcolici, aromatizzati all’arancia e sono stati addolciti.

Contenuto di alcol: entrambi hanno il 40% di alcol.
Sono fatti in Francia: Grand Marnier è realizzato oggi a Bourg-Charente, Ma la storia è iniziata con l’acquisto di una distilleria di liquori a Neauphle-le-Château, a circa un’ora da Parigi. Cointreau è prodotto a Saint-Barthélemy-d’Anjou – a circa tre ore e mezza a sud-ovest di Parigi, nella regione dei Paesi della Loira
È nato alla fine del 1800, ma fu venduto per la prima volta nel 1875, precedendo il Grand Marnier di soli cinque anni.

Dove sono diversi
Mentre hanno un pò di cose in comune, Cointreau e Grand Marnier sono in realtà considerati diversi stili di liquore all’arancia, in quanto sono realizzati in modi diversi. Anche il loro profilo di dolcezza e sapore differisce leggermente e può produrre risultati molto diversi nei cocktail.

Cointreau
Cointreau inizia come alcol di barbabietola da zucchero al 96% ABV, che viene aggiunto all’alambicco insieme a una miscela di arance amare e dolci del Brasile, Africa e Spagna. La miscela viene lasciata per una notte a macerare prima di essere distillata due volte. Secondo Cointreau, il loro liquore ha “la più alta quantità di oli essenziali e la più bassa quantità di zucchero aggiunto”.
Poiché Cointreau utilizza arance sia dolci che amare, è considerato in stile “triple sec” anche se il triple sec non può essere un Cointreau. Non è in genere invecchiato.

Grand Marnier
A differenza del Cointreau, Grand Marnier è fatto con cognac e arance amare. Di conseguenza, è considerato uno stile di curaçao, che prende il nome dall’origine di un tipo di arancia amara. In effetti, Grand Marnier in realtà era originariamente chiamato “Curaçao Marnier”, in quanto era solo una parte di una vasta gamma di liquori aromatizzati. Dal momento che Grand Marnier è fatto con Cognac, lo spirito è invecchiato.

A nostro parere, Cointreau ha un sapore di arancia molto più “pulito” e un aroma di oli essenziali di arancia più accentuati. D’altra parte, Grand Marnier ha un sapore più dolce e pesante, anche se in realtà ha meno carboidrati. Porta anche i sapori che ti aspetteresti da un liquore fatto con uno spirito invecchiato in botte: vaniglia e una dolcezza di quercia.

Utilizzo nei cocktail
Cointreau è più versatile nei cocktail. Funziona bene con spiriti più leggeri come rum, gin, tequila e vodka. Grand Marnier è molto più pesante, e può appesantire un cocktail più leggero come un Corpse Reviver # 2 o Cosmopolitan. In effetti, se guardi indietro ai vecchi libri sui cocktail a partire dalla fine del 1800, è molto più probabile vedere Cointreau di Grand Marnier nelle ricette.
Se hai bisogno di sostituire Cointreau con il Grand Marnier, prendi in considerazione l’utilizzo di un pò più di Cointreau (non molto). Questo aggiungerà il peso e la dolcezza che la tua ricetta otterrebbe dal Grand Marnier. Al contrario, usa un pò meno Grand Marnier quando sostituisci Cointreau, poiché anche questo si adeguerà per peso e dolcezza.

La linea di fondo
Cointreau e Grand Marnier hanno parecchio in comune, e in un pizzico puoi certamente sostituire i due. Se lo fai, aspettati che il profilo degli aromi cambi. Cointreau renderà la bevanda più leggera e luminosa, con un aroma più forte di agrumi. Grand Marnier porterà il peso e la dolcezza della quercia. Se stai sostituendo Grand Marnier con Cointreau, prendi in considerazione la possibilità di ridurre leggermente gli altri dolcificanti nella bevanda per tenere conto della sua dolcezza e del suo peso aggiunti. (E viceversa.)

Cointreau

Grand Marnier

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Come dare un nome al tuo cocktail

È la bevanda perfetta. Hai riversato il tuo cuore e la tua anima nella…

By

Tre domande a Roberta Martino co-fondatrice di ShakHer

Intervista esclusiva per BarmanItalia alla barlady Roberta Martino Raccontaci la tua carriera fino ad…

By

White Negroni

White Negroni Serve in old fashioned Ingredienti e quantità: 3 cl Gin 3 cl…

By

Negroni- 100 anni di vita del dell’iconico cocktail

La Negroni Week 2019 si svolgerà dal 24 al 30 giugno 2019 e celebra…

By

La vita dei Barman a fumetti: Il Moscow Mule

Ci sono situazioni in cui ogni barman si è trovato,  tra clienti esigenti o…

By

La cocktail list del Fusion Bar by Sacha Mecocci

Una vita dietro al bancone da bar, ma ancora tanta, tantissima voglia di stupire,…

By