Categories: Merceologia

La storia delle bottiglie di vino

La storia delle bottiglie di vino è strettamente legata all'arte del bere e alle abitudini dei consumatori. Perché sono comparse…

Maggio 2, 2020 10:43 pm

La storia delle bottiglie di vino è strettamente legata all’arte del bere e alle abitudini dei consumatori. Perché sono comparse nel 18° secolo e come si sono evolute?
Come sono fatte le bottiglie? Niente di troppo complicato: sabbia, carbonato di sodio e solfato di sodio. La bottiglia di vetro esisteva fin dai tempi antichi. Ma era piuttosto piccola e veniva usata per i profumi. Iniziò ad essere usata per il vino molto più tardi, in Europa, nel tardo Medioevo. La bottiglia migliorò fino a quando nel 18° secolo il suo uso divenne diffuso.

La bottiglia per il trasporto

Inizialmente, il ruolo della bottiglia era limitato al trasporto del vino dallo scantinato al tavolo. A quel tempo, le botti di vino erano nel seminterrato, il proprietario o il servitore pompava un po’ di vino in una bottiglia per portarla a l’ospite o al padrone. Le autorità non hanno facilitato il viaggio della bottiglia su lunghe distanze, poiché la capacità non era ancora regolamentata e spesso c’era la possibilità di frode. Ma il re Luigi XV alla fine dovette autorizzare ufficialmente il trasporto delle bottiglie di vino. Prima con lo champagne (1728), poi con vino di bordeaux (1750). A Bordeaux, furono introdotte bottiglie ordinarie e ufficialmente riconosciute all’inizio del XVIII secolo.

Salva … e persino migliora

Nel frattempo, gli inglesi hanno creato una bottiglia scura e molto spessa con una base larga. I vini francesi ora potevano essere conservati e trasportati in buone condizioni. La bottiglia è diventata importante, soprattutto per lo sviluppo di vini champagne, che durante il processo di fermentazione possono creare una pressione tale che possono resistere solo con vetro spesso . Niente bottiglie, niente champagne! Poi, nel XVIII secolo, si notò che i vini migliorano con l’età. Quindi gli amanti del vino di qualità si sono rivolti a vini più complessi, con gusti e aromi più nobili. Nel 1760, la dignità dei vini era cresciuta in modo significativo, come dimostrano le storie dei viaggiatori. Questo è stato l’inizio della vinificazione, che sarà intensamente sviluppata nel XIX secolo.

Misura …

Dopo la creazione del sistema metrico nel 1792, la bottiglia di vino iniziò a servire come misura. Inoltre, la sua produzione è stata rigorosamente controllata per evitare frodi. Nel 1866 fu approvata una capacità di 0,75 litri. Questo non è stato scelto a caso: una scatola da 6 bottiglie (4,5 litri) era equivalente a un gallone secondo il sistema imperiale britannico.

Protegge …

I vini devono essere protetti dalle radiazioni luminose per mantenere gusto e colore. Ancora una volta, la bottiglia gioca un ruolo chiave. Paradossalmente, anche i vini rossi che contengono tannini naturali vengono imbottigliati in giallo o ambra con una tonalità verdastra. A volte, tuttavia, vengono utilizzate bottiglie giallo ambra, che sono un eccellente filtro per la luce. Tuttavia, i vini bianchi e rosati richiedono una protezione più sostanziale. Ma quanto è triste nascondere alla vista tutte le sfumature di questi vini: dal giallo paglierino al giallo dorato, ecco perché, nonostante tutto, i vini bianchi sono forniti in bottiglie trasparenti.

Lo champagne è più sensibile ai raggi luminosi. Potrebbero bastare pochi minuti al sole per dare loro un gusto e un colore indesiderati. Per evitare il deterioramento del vino, è necessaria un’attenta osservazione e non è consigliabile esporlo a un’esposizione prolungata alla luce.

In questo articolo abbiamo visto come la bottiglia è stata adattata alle esigenze dell’inizio del nostro secolo.

Bottiglia di vino per secoli

1634 – Gli inglesi fabbricarono le prime bottiglie di vetro scuro e robusto.
1707 – Le bottiglie inglesi sono accettate in tutta la Francia.
1723 – La nascita della vetreria Mitchell in Francia, la futura vetreria Royal Bordeaux.
1728 – È consentito il trasporto di champagne in bottiglia.
1735 – La capacità e il peso di una bottiglia di champagne sono regolati.
1750 – È consentito l’uso di bottiglie per il trasporto del vino di Borgogna.
1866 – La legislazione regola il nome e la capacità di varie bottiglie di vino.
1894 – Nella città di Cognac, Claude Boucher inventò un dispositivo semiautomatico per la fabbricazione di bottiglie.

Andrea marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.