Categories: Merceologia

Applejack

La coltivazione delle mele iniziò in America già nel 1630 e un frutteto ben curato era una necessità per una…

Marzo 1, 2019 12:21 am

La coltivazione delle mele iniziò in America già nel 1630 e un frutteto ben curato era una necessità per una fattoria di successo. La maggior parte delle mele era usata per fare il sidro di mele, ma molti bevitori volevano qualcosa con un pò più di grinta; il risultato fu uno spirito chiamato applejack.

I bevitori più innovativi hanno imparato che la forza del sidro potrebbe essere aumentata lasciandola fuori alle intemperie in una notte gelida, quindi separando il liquido rimanente dal ghiaccio la mattina successiva, il residuo era altamente alcolico. Questo liquore era anche ricco di impurità – alcuni si riferivano ad esso come “essence of lockjaw” e promettevano un forte mal di testa.

Nel 1698, un distillatore scozzese di nome William Laird si stabilì nel New Jersey e iniziò a produrre un applejack più raffinato, un brandy di mele puro, invecchiato in quercia, con il sapore di un whisky ricco e fruttato. Presto sorsero piccole serre agricole e negli anni ’30 dell’Ottocento quasi 400 distillerie stavano producendo lo spirito locale del New Jersey.

“Jersey Lightning” – come veniva anche chiamato – era immensamente popolare nella regione del Medio Atlantico. George Washington richiese la ricetta dell’applejack alla famiglia Laird nel 1760, e durante la guerra rivoluzionaria, le truppe sotto il comando di Washington lo bevevano durante una campagna nel New Jersey.

Nel 1780 i Lairds fondarono la prima distilleria commerciale di brandy del paese, e negli anni seguenti le taverne e le osterie facevano grandi affari con l’applejack, servendolo liscio o come lo scotchem, una miscela di applejack e acqua bollente, aromatizzata con una cucchiaiata di senape

Le future generazioni di barman hanno trovato usi più appetibili per l’applejack. L’uso più importante e popolare dello spirito è stato per il cocktail Jack Rose, a base di applejack, lime e granatina

Ora nella sua decima generazione di produzione di applejack, la famiglia Laird è stata l’unico produttore commerciale di applejack dagli anni ’50, vendendo il suo spirito eponimo a livello nazionale e nel Regno Unito, mentre commercializzava anche il Captain Applejack in Virginia e North Carolina.

La domanda di applejack è diminuita negli anni ’60, ma la società sta vedendo un rinnovato interesse tra i mixologi, come Misty Kalkofen, manager del bar di Green Street a Cambridge, Massachusetts. “Applejack è davvero versatile”, afferma. “È un brandy di mele, ma quando si fonde con spiriti neutri si comporta più come un whisky, quindi puoi fare un sacco di cose con esso”.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

White Negroni

White Negroni Serve in old fashioned Ingredienti e quantità: 3 cl Gin 3 cl…

By

Negroni- 100 anni di vita del dell’iconico cocktail

La Negroni Week 2019 si svolgerà dal 24 al 30 giugno 2019 e celebra…

By

La vita dei Barman a fumetti: Il Moscow Mule

Ci sono situazioni in cui ogni barman si è trovato,  tra clienti esigenti o…

By

La cocktail list del Fusion Bar by Sacha Mecocci

Una vita dietro al bancone da bar, ma ancora tanta, tantissima voglia di stupire,…

By

Beluga Noble Russian Vodka

Miscela di cereali coltivati ​​nelle pianure della Siberia, con acqua purificata in argento, il…

By

Tre domande a Antonio De Meo

Intervista esclusiva per BarmanItalia ad Antonio De Meo, barmanager del ristorante Liòn di Roma
…

By