Categories: Merceologia Miscelazione

Il vermouth bianco

Per molto tempo, scegliere un vermouth era veramente molto semplice. Come i partiti politici, ce n'erano solo due: i rossi…

Luglio 4, 2018 11:16 pm

Per molto tempo, scegliere un vermouth era veramente molto semplice. Come i partiti politici, ce n’erano solo due: i rossi dolci, che hanno avuto origine in Italia, e quelli bianchi secchi associati alla Francia. Hai usato il dolce nel manhattan, il secco nel martini. Fatto!

Tuttavia, il mercato dei vermut, come quello di quasi tutte le altre categorie di spiriti, è esploso.
Ciò ha significato molti più marchi di vermouth dolci e secchi tra cui scegliere. Ma ha anche significato un’improvvisa ondata per un genere di cavallo oscuro precedentemente noto principalmente agli europei.

Questo è il vermut blanc o bianco, come lo chiamiamo in italiani. È secco come il dry, ma dolce come il rosso. Eppure non ha davvero niente a che vedere con nessuno dei due.

Il vermouth bianco non è nuovo. Lo stile è stato inventato alla fine del XIX secolo a Chambéry, nel sud-est della Francia, anche se ci sono affermazioni in competizione su quale produttore l’abbia fatto prima. I vermouth bianchi italiani sono arrivati dopo. Alcuni pensano che le versioni francesi e italiane siano abbastanza diverse da costituire due stili.

“I vermouth bianchi tendono ad essere molto vanigliati”, ha scritto François Monti, esperto di alcolici belga con sede a Madrid e autore del libro “The Big Book of Vermouth”.

I Blanc, come il brand Dolin, sono fatti con i fiori come fiori di sambuco o frutta”, ha aggiunto. “L’unica cosa che hanno davvero hanno in comune è che hanno agenti amari e non sono pieni di chiodi di garofano, cannella e altre spezie forti comuni con i rossi.

Lo stile è molto popolare in Europa. Infatti, il produttore di “vermouth” Martini ha come prodotto più famoso il bianco. “I bevitori del vermouth bianco sono un pò come quelli che comprano i singoli di Natale”, ha detto Monti. “Non sai chi sono, ma sono ovunque.” Mentre in gran parte del mondo alla richiesta di un vermouth con ghiaccio viene servito il rosso in italia quasi tutti i baristi servono il bianco.

La guarnizione
Fetta di arancia o limone? Alcuni decidono in base all’aspetto cromatico ma non è proprio così che funziona.
Detto da un esponente della Martini circa 20 anni fa, il vermouth bianco e rosso vogliono fetta di arancia mentre il dry la scorza di limone.

Quali sono i vantaggi del bianco? Accantonando il gusto, è la trasparenza, il colore. Pensate a un long drink con vermouth bianco, altri ingredienti liquidi chiari e frutta a pezzetti in trasparenza. Inoltre si sposa bene con la maggior parte dei succhi di frutta come: ananas, pompelmo, arancia… a voi la sperimentazione!

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.