Categories: Prodotti

Recensione e botanici di Star of Bombay

Con due ulteriori botanici - la buccia d'arancia di bergamotto della Calabria e i semi di Ambrette dell'Ecuador - in…

Dicembre 20, 2019 11:24 am

Con due ulteriori botanici – la buccia d’arancia di bergamotto della Calabria e i semi di Ambrette dell’Ecuador – in cima ai 10 vegetali presenti nel fiore all’occhiello della Bombay Sapphire, Star of Bombay è confezionato in una bottiglia dall’aspetto sexy con un’incredibile attenzione al dettaglio. Non ci aspetteremmo niente di meno per un marchio che ha lanciato la sua spettacolare new home al Laverstoke Mill, con tale aplomb sono rinomati per il loro legame con l’industria del design.

Imbottigliato con una gradazione alcolica più alta 47,5%, il team ha progettato il gin al fine di enfatizzare il profilo aromatico dei componenti vegetali di base. Per raggiungere questo desiderato risultato stilistico, il maestro distillatore, Nik Fordham ha fatto scrupolose prove. Rallentato il loro famigerato processo di infusione al vapore per aumentare l’estrazione degli oli vegetali.

La sfida consisteva nell’aggiungere la quantità perfetta dei nuovi botanici in modo che l’insieme sembrasse completamente integrato e intrecciato, senza aggiunger una nota predominante o un tocco stravagante. Doveva funzionare come un gin nuovo e non solo una variante del Bombay Sapphire. Chiaramente, questo è stato ottenuto poiché Star of Bombay è impressionante.

È leggermente ammuffito al naso, ha un sapore di fiori secchi e spezie. Stranamente, le note classiche di ginepro, angelica e coriandolo si sono intensificate ma l’Ambrette è immediatamente evidente. Marmellata di ibisco, con spezie piccanti, bergamotto e semi di ambretta offrono un tocco esotico intrecciandosi attorno al ginepro. È un gin intenso ma in qualche modo mantiene la leggerezza che ci si aspetta da uno spirito distillato da Bombay. Al 47,5% ABV, il finale è lungo e riccamente aromatico ma non oleoso né pieno – solo ricco quando colpisce, rilasciando un ricordo vivido.

Come rilascio, riteniamo che Star of Bombay sia molto più attraente rispetto a Bombay East o all’edizione limitata Laverstoke Mill Bombay Sapphire, che sono buoni di per sé ma mancano quella profondità e pienezza esotica che Star of Bombay ha. Questa versione potrebbe avere successo nel mercato saturo di oggi, anche senza l’iconico nome Bombay, al contrario di essere solo un altro fulmine nel portafoglio della House of Bombay.

Non è ancora chiaro se entrerà a far parte della loro gamma principale per gli anni a venire o se sarà un’edizione limitata. Se questo si basa sulle vendite, tuttavia, aspettati che rimanga a un prezzo accettabile per un ABV del 47,5% in una confezione incredibile, volerà senza dubbio dagli scaffali. Servito in un normale G&T, funziona bene con una sottile orange peel come garnish, ma provalo anche con Fever-Tree Indian Tonic.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.