Categories: In evidenza

Pon scuola: i social network e la valorizzazione dei prodotti a denominazione comunale

Successo dell’iniziativa dei giovani chef e maître dell’alberghiero di Alassio per la promozione dei cibi della tradizione e di quelli…

20 Dicembre, 2019 12:20 pm

Successo dell’iniziativa dei giovani chef e maître dell’alberghiero di Alassio per la promozione dei cibi della tradizione e di quelli legati alle feste religiose nella cena comunitaria, organizzata dall’assessorato alle frazioni, nell’ambito del progetto di valorizzazione dei prodotti de. co. della “città del muretto”.

Alassio (SV). I Percorsi formativi del PON “Educare alla bellezza per imparare la convivenza” si chiudono con la cena comunitaria, organizzata dall’Assessorato alle frazioni e alle politiche scolastiche, dedicata ai prodotti a Denominazione Comunale e alla celebrazione del senso civico del volontariato.

Un appuntamento che si consolida, in questo secondo anno di amministrazione Melgrati, e che vede i testimoni del cibo della tradizione e i giovani chef e maître della scuola alberghiera, diretta dal preside dottor Massimo Salza, esercitarsi didatticamente sui piatti tipici dei borghi e delle frazioni della “Città del Muretto”.

L’occasione formativa ha consentito agli alunni del Corso Enogastronomico di condividere il valore comunitario che sottende alle ricette tramandate di generazione in generazione, grazie al PON “Educare alla Bellezza”, attraverso l’uso responsabile delle principali piattaforme social.

Se un tempo era la trasmissione orale e poi quella scritta, oggi è la condivisione via social network a diffondere e dettare, nel bene e nel male, la narrazione dominante attraverso HASHTAG e post gestiti da esperti di social media marketing con l’effetto engagement che origina la viralità di testi, immagini e video.

Nell’ottica di un uso consapevole e responsabile delle piattaforme social, gli esperti e i tutor dei moduli del PON “Educare alla bellezza per imparare la convivenza” hanno coinvolto gli alunni in un project work sulla tecnica dell’engagement applicata alle ricette DE.CO proposte per la cena di comunità “LA CULTURA E LE TRADIZIONI NEL PIATTO”.

L’evento gastronomico ha proposto in abbinamento all’aperitivo “Pestato Ai Profumi Di Liguria”, candidato a prodotto DE.CO., tutte le ricette inserite dal Comune di Alassio nel registro regionale in versione finger food, per poi terminare con i classici dolci della tradizione alassina: Baci di Alassio, Gubeletti, Biscette e Frittelle di mele.

“Questo progetto, come ha sottolineato Fabio Macheda assessore alle politiche scolastiche nel suo interveto alla cena, risponde ad un bisogno emergente della nostra società, dimostrando come sia possibile educare le nuove generazioni all’utilizzo responsabile dei social network: dalla generazione di contenuti culturali alla promozione delle ricette della tradizione.”

L’evento è stato coordinato dai docenti Antonella Annitto, Massimo Sabatino, Elena Denegri, Katiuscia Giuria, Rita Baio, Stefania Violino, Nello Simoncini, Massimo Rovere, Franco Laureri e dai tecnici di laboratorio Aurelio Pepe, Luigi Natale, Mariangela Lamarra, Nando De Angelis e Cristina Marcenaro.

Andrea Marangio

HAI BISOGNO DI UN ESPERTO? Contattaci: Whatsapp: 3480046467 email: supporto@barmanitalia.it Oppure entra nel nostri gruppi WhatsApp

Recent Posts

Naked And Famous storia e ricetta

I nuovi cocktail nascono spesso come riff di vecchi classici, ma la carta genealogica…

By

Spicy Fifty cocktail storia e ricetta

Con un curriculum che vanta esperienza nella creazione di cocktails per presidenti e reali,…

By

Fernandito cocktail storia e ricetta

Fernando, Fernandito, Fefi o semplicemente Fernet e Coca è una bevanda tipica e semplice…

By

Trinidad Sour storia e ricetta

Il Trinidad Sour è stato inventato dal barman newyorkese Giuseppe González al Clover Club…

By

Tipperary cocktail storia e ricetta

La storia dietro questo elegante drink, che è apparso per la prima volta nel…

By

Nuove competenze ambientali per i bartender

Crediamo sia l'ora di imporre un nuovo standard per i barman. Il covid19 che…

By

This website uses cookies.